Sei in Italpress

LE ALTRE

Rimonta Spezia e vittoria del Torino

10 aprile 2021, 17:15

Rimonta Spezia e vittoria del Torino

LA SPEZIA (ITALPRESS) - Lo Spezia batte il Crotone 3-2 allo scadere, conquistando 3 punti che hanno tanto il sapore della salvezza per i liguri e quello della retrocessione per i calabresi, andati due volte in vantaggio e capaci di farsi rimontare a partita praticamente chiusa. Il primo tempo è tutto di marca crotonese con la squadra di Cosmi a sfiorare la rete prima con Benali che calcia in area trovando Provedel a sbarrargli la strada, e poi Ounas che, di testa, impegna l'estremo difensore avversario chiamandolo ancora una volta alla parata. Gli sforzi del Crotone sembrano non portare i risultati sperati, ma il meritato premio arriva al 40° minuto, subito dopo l'uscita dal campo dell'infortunato Benali; sugli sviluppi di un calcio d'angolo Messias serve Djidji che, spalle alla porta, gira con il destro senza guardare sorprendendo Provedel con un pallonetto che gli vale la prima rete in serie A e il vantaggio ospite. Nella ripresa, però, è tutto un altro Spezia che, dopo 18 minuti, trova il pareggio grazia a Verde, al suo secondo sigillo consecutivo: l'esterno cresciuto nella Roma stoppa l'assist di Marchizza e, di destro, trafigge Cordaz regalando il pari ai suoi. Il gol galvanizza lo Spezia che continua a premere sull'acceleratore, ma a passare nuovamente è il Crotone grazie a Zanellato che arriva sul fondo e mette in mezzo proprio dove c'è Simy. Per il nigeriano è un gioco da ragazzi spingere il pallone alle spalle di Provedel e firmare il nuovo sorpasso. Quando ormai la vittoria del Crotone sembra cosa fatta, però, ci pensa Maggiore (89°) a pareggiare i conti e poi è Erlic che allo scadere (92°) ribadisce in rete il pallone del 3-2 finale.  


UDINE - Belotti torna al gol in campionato dopo due mesi e regala tre punti d’oro al Torino in casa dell’Udinese. Gli uomini di Nicola passano per 1-0 con un rigore del "Gallo" alla Dacia Arena e allungano sul Cagliari terzultimo, impegnato in casa dell’Inter nel lunch match domenicale. E’ il terzo ko consecutivo, invece, per i friulani che restano a quota 33 punti nonostante un buon avvio. I padroni di casa dominano nel possesso palla (oltre il 65%) ma non riescono a rendersi pericolosi nel primo tempo nella prima mezz'ora di gara. E’ il Torino a costruire le chance più importanti: al 20' Belotti serve un cross al bacio per Sanabria che liscia di testa in tuffo. Dieci minuti più tardi, l'assist arriva dall’altra fascia: Rincon colpisce al volo di piatto, Becao è sulla traiettoria e devia sulla traversa. A questo punto suona la sveglia per i bianconeri con due lampi a stretto giro di posta. Il primo con la complicità di Buongiorno e Milinkovic-Savic (tra i pali al posto del positivo Sirigu), che rischiano la frittata con un malinteso e vengono graziati solamente da Molina. 


Poco dopo è De Paul a mettere sul fondo con un pregevole colpo da biliardo dal limite. A mettere in salita la partita dell’Udinese, però, è un’ingenuità di Arslan. Il centrocampista travolge Belotti sulla punizione di Verdi, il capitano del Toro si incarica del rigore e infila all’angolino con Musso immobile. Gli ospiti rischiano di ricambiare il favore al 70' con il contatto Buongiorno-Becao, Doveri viene richiamato dal Var e decide di non valutarlo falloso. I granata resistono: l’ingresso di Okaka e Forestieri nelle fila dell’Udinese non produce l’effetto sperato, nell’ultimo scampolo di partita Gotti gioca anche la carta Nestorovski per un assetto a trazione anteriore ma il muro del Toro regge sino al triplice fischio del fischietto romano, giunto dopo 5' di recupero. (ITALPRESS).
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA