×
×
☰ MENU

nuoto

Razzetti d'oro, sincro d'argento, prime medaglie per l'Italia agli Europei

Sincro d'argento, prima medaglia Italia agli Europei

11 Agosto 2022,16:24

È un’Italia già vincente nella prima serata di finali nelle corsie della piscina del Foro Italico. Agli Europei di nuoto di Roma la nazionale azzurra si prende la scena nei 400 misti maschili e l’argento nella 4x200 uomini. A far cantare l'inno ci pensa Alberto Razzetti, che riporta l’Italia sul gradino più alto del podio continentale venti anni dopo l’ultima volta, firmata da Boggiatto a Berlino 2002. Battuto l’ungherese David Verraszto con il tempo di 4'10"60 e quasi due secondi di vantaggio, ma ad amplificare il boato di Roma è anche la medaglia di bronzo di Pier Andrea Matteazzi. "Una sensazione difficile da descrivere a parole - spiega il nuovo campione d’Europa - Ho la pelle d’oca a ripensarci, sono davvero felicissimo". Così come non può non esserlo Matteazzi: "Un sogno che si avvera vincere davanti a questo pubblico e ai miei amici". È servito invece un Milak alieno per negare alla 4x200 maschile un altro oro, al termine di una splendida rimonta con le ultime due frazioni di Gabriele Detti e Stefano Di Cola dopo il buon ingresso di Marco De Tullio e la copertura del sedicenne Lorenzo Galossi. 


Alla fine l’Ungheria festeggia ma gli azzurri (7'06"25) si mettono alle spalle la Francia, medaglia di bronzo. "Ci siamo divertiti, è stata una bella staffetta", il sorriso di Detti. Non è riuscita a far lo stesso la 4x200 femminile, quarta con Alice Mizzau, Linda Caponi e le gemelle Noemi e Antonietta Cesarano (7'58"83), dietro Olanda, Gran Bretagna e Ungheria. Ma l’Italia brilla anche nelle semifinali, con gli assi azzurri che approdano di slancio in finale. Ci saranno due carte da giocare in quella dei 100 stile con la certezza Silvia Di Pietro (in 54"11 a due centesimi dal personale del 2017) e la rivelazione Chiara Tarantino (54"40 e nuovo best per la 19enne). È davanti a tutti nei 200 dorso Margherita Panziera (2'08"18 e unica a scendere sotto i 2'09", eliminata Federica Toma), così come il campione del mondo Nicolò Martinenghi nei 100 rana (58"44), in finale con Federico Poggio (59"66). Missione compiuta anche per Thomas Ceccon (23"14) nei 50 farfalla col terzo tempo, beffa invece per Piero Codia, primo degli esclusi.


Prima delle emozioni in corsia, il medagliere azzurro era stato inaugurato nel sincro dall’argento delle ragazze del team tecnico, alle spalle dell’Ucraina. "Ci siamo allenate insieme a loro, ci hanno aiutato a perfezionare le spinte. Sappiamo che sono la squadra migliore del mondo e siamo contentissime per loro", le parole della capitana Gemma Galli.

L'Italia è medaglia d'argento nella finale del team tecnico di nuoto artistico agli Europei 2022 delle discipline acquatiche, in corso di svolgimento a Roma. Le azzurre Domiziana Cavanna, Linda Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli, Marta Iacoacci, Marta Murru, Enrica Piccoli incantano sulle note di "We Can Be Superheroes" di Antongiulio Frulio e con 90.3772 (27.4000 l'esecuzione, 27.4000 di impressione artistica, 35.5772 gli elementi) chiudono al secondo posto. Davanti a loro solo l'Ucraina, oro con 92.5106; completa il podio la Francia, bronzo con 88.0093 punti. 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI