×
×
☰ MENU

LA PAROLA ALL'ESPERTO - FISCO

Le detrazioni per l'acquisto di pompe di calore

Rispondono  Francesca Brizzolara  e Daniele Rubini  Commercialisti (Studio Errei)

Le detrazioni per l'acquisto di pompe di calore

30 Novembre 2021,20:50

Inviate i vostri quesiti su fisco, lavoro, casa, previdenza a esperto@gazzettadiparma.net

Sto acquistando una pompa di calore e condizionatori per una nuova installazione in una pertinenza, cioè senza una ristrutturazione, e il venditore mi propone di usufruire del bonus 65 nonostante non abbia alcuna opera di ristrutturazione dicendo che semplicemente un acquisto di questo tipo giustifica la possibilità e che si occupano loro delle pratiche Enea, è tutto vero? La mia preoccupazione è di non essere in regola con l'Agenzia delle entrate in caso di controlli. In caso contrario posso realmente usufruire di qualche bonus facendo un acquisto online e poi facendo installare a un tecnico di fiducia? Auale documentazione devo assicurarmi di avere?
Lettera firmata

Nel caso in cui si decida di acquistare oppure sostituire i propri condizionatori con uno dotato di pompa di calore a risparmio energetico è possibile fruire di una detrazione che varia dal 50 al 65% a seconda della tipologia di intervento che si va ad effettuare.
L’installazione su immobili residenziali di un condizionatore a pompa di calore rientra tra gli interventi di manutenzione straordinaria per i quali si può usufruire della detrazione irpef indicata nell’articolo 16 bis del tuir. Per fruire di tale agevolazione non è necessario che l’intervento sia eseguito congiuntamente ad altri interventi edili.
Si ha quindi diritto alla detrazione del 50%:
- nel caso in cui l’acquisto sia effettuato nell’ambito di una ristrutturazione ordinaria di casa o del condominio;
- nel caso in cui venga acquistato un climatizzatore di classe energetica almeno A+ durante ristrutturazioni straordinarie;
- nell’ipotesi in cui il condizionatore con pompa di calore sia a integrazione dell’impianto di riscaldamento.
Sarà invece possibile fruire della detrazione del 65% da parte di coloro che acquisteranno un nuovo condizionatore a pompa di calore ad alta efficienza energetica per sostituirne uno di classe inferiore. Per questi ultimi interventi il valore massimo della detrazione sarà pari ad euro 30.000. Per fruire di tale detrazione è necessario che il condizionatore sostituisca integralmente o parzialmente l’impianto di riscaldamento preesistente e non sia ad integrazione dello stesso. Non è agevolabile, invece, l’installazione di sistemi di climatizzazione invernale in edifici che siano, prima dei lavori, sprovvisti di impianto di riscaldamento.
Per fruire della detrazione del 50% o del 65% occorre effettuare la comunicazione all’ENEA entro e non oltre i 90 giorni dall’installazione e dal collaudo. Per la detrazione del 65% bisognerà produrre oltre alla documentazione della casa costruttrice del condizionatore anche l’asseverazione tecnica di un professionista abilitato.
La documentazione da conservare da parte del contribuente in caso di controllo, nel caso di risparmio energetico, è la seguente:
- il certificato di asseverazione redatto da un tecnico abilitato;
- la ricevuta di invio tramite internet o la ricevuta della raccomandata postale all’Enea;
- le fatture o le ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute per la realizzazione degli interventi;
-  per i contribuenti non titolari di reddito d’impresa, la ricevuta del bonifico parlante bancario o postale attraverso cui è stato effettuato il pagamento.
Nel caso in cui gli interventi siano stati effettuati su parti comuni di edifici, devono essere conservate ed eventualmente esibite anche la copia della delibera assembleare e quella della tabella millesimale di ripartizione delle spese.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI