×
×
☰ MENU

La camminata che fa bene al cervello, domenica tutti sul «Sentiero d’arte»

La camminata che fa bene al cervello, domenica tutti sul «Sentiero d’arte»

20 Ottobre 2021,09:43

Langhirano: La sezione di Parma dell'associazione italiana malattia di Alzheimer organizza una camminata dal centro sportivo Sandro Pertini con arrivo in piazza Leoni a Torrechiara
 

Langhirano Sensibilizzare sul tema della cultura e dell’attività fisica come prevenzione del deterioramento cognitivo, è questo l’obiettivo della camminata non competitiva organizzata dalla sezione di Parma di Aima (associazione italiana malattia di Alzheimer), insieme ad associazione Sentiero d’arte Odv e Comune di Langhirano, domenica 24 ottobre, da Langhirano a Torrechiara.

«Cammina con noi sul Sentiero d’arte per battere il tempo» è lo slogan dell’iniziativa, attraverso la quale i soggetti promotori, in occasione della maratona Alzheimer 2021, vogliono fornire a tutti un momento di incontro, riflessione, veicolo d’integrazione sociale, ma anche divertimento e benessere in natura. Scenario della passeggiata sarà il Sentiero d’arte, che verrà percorso con partenza da Langhirano, nel centro sportivo Sandro Pertini (via Berlinguer) e arrivo in piazza Leoni a Torrechiara dove sarà offerto un gustoso ristoro a base delle tipicità del territorio.

Camminare fa bene?  Paolo Caffarra, neurologo e vicepresidente Aima Parma, ha risposto: «Fa bene all’apparato cardiocircolatorio e muscoloscheletrico, ma la novità è che farebbe bene anche al cervello. Un gruppo di ricerca americano ha dimostrato circa dieci anni fa che l’attività aerobica migliora la memoria spaziale degli anziani e sorprendentemente aumenta il volume dell’ippocampo, quella parte di cervello che ci permette di registrare i ricordi». 

E quando si parla di demenza vale lo stesso discorso? «La letteratura conferma queste osservazioni sottolineando ancora una volta che l’attività aerobica non solo sembra agire sull’ippocampo ma anche su altre parti del cervello - continua il professore -, come quelle pre-frontali contribuendo a ridurre il rischio di sviluppare la demenza. Questo dimostra come sia possibile attraverso una sana attività fisica, agire sulla plasticità neuronale, contrastando gli effetti dell’invecchiamento cerebrale. Se a questo si aggiungono anche gli interventi di stimolazione cognitiva o semplicemente esercizi in cui il cervello sia impegnato nel trovare soluzioni a problemi semplici o complessi, avremo contribuito a migliorare la qualità della vita dell’anziano».

L’organizzazione tecnica della camminata di domenica  sarà gestita dall’a.s. Vengolì e vedrà la collaborazione di Pro Loco di Langhirano e Donne di Torrechiara, oltre al patrocinio di Parma Io ci sto! e Parchi del Ducato. La partenza sarà alle ore 9, con possibilità di iscrizione sul posto a partire dalle ore 8; è possibile anche iscriversi prima su  www.eventibrite.it. Il percorso di 6 Km ha un dislivello di circa 60 m e risulta di facile percorrenza. Per il rientro da Torrechiara ci sarà  un servizio gratuito di trasporto.

Il costo di partecipazione per gli adulti è di 10 euro; per i ragazzi dai 14 ai 18 anni 5 euro; gratuito per i bambini fino a 13 anni. Ai primi 250 iscritti verrà consegnato uno zainetto con gadget della manifestazione. Il ricavato verrà devoluto ad iniziative delle associazioni promotrici. L’iniziativa è organizzata anche grazie al sostegno di Consorzio del Parmigiano-Reggiano; Sinapsi Group; Galloni F.lli; Cantine Cerdelli, Azienda vitivinicola Lamoretti, Azienda Carra di Casatico, Cantine Dall’Asta e alla collaborazione di Coop Alleanza 3.0.
r.c.
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI