×
×
☰ MENU

lettere al direttore

Matteo Curti un grande dottore

lettera al direttore

di Claudio Lombardelli

24 Giugno 2022,14:32

Gentile direttore,
con grande emozione scrivo queste righe come segno di ringraziamento nei confronti del dottor Matteo Curti, visto che dal 1° luglio raggiungerà la pensione.
Ha gestito tre generazioni di pazienti in modo professionale, unico, e singolare, mettendo a disposizione quel lato umano che si traduceva nella sua disponibilità a qualsiasi ora del giorno. Ricorderò per sempre quella volta che dall’aeroporto si precipitò al capezzale di mio padre malato per consolarlo e proporgli una terapia, rinunciando ad un suo impegno, ricordo quante volte s’è precipitato a casa di mia madre, gravemente malata, solamente per chiederle come stava, e per tenere sotto controllo l’evolversi della malattia.


Professionisti bravi ne ho conosciuti, ma il dottor Curti è stato unico e singolare, oserei dire un valore aggiunto per tutta la comunità dei suoi pazienti e un esempio per tutti i suoi colleghi (giovani o datati che siano).
Con queste righe, che non rendono la dimensione professionale e umana del dottor Curti, volevo farmi carico, a nome dei suoi pazienti, dei ringraziamenti per tutto quello che ha fatto e augurargli tante belle cose per gli anni futuri… grazie Doc.
Claudio Lombardelli
Baganzola, 23 giugno

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI