×
×
☰ MENU

Lettera al Direttore

Le mode bizzarre della nostra città

Lettere al direttore

di Lucia Calò

16 Agosto 2022,14:33

Gentile direttore,
da un po' di tempo ormai noto che nella nostra città imperano mode assai bizzarre. Percorrendola in lungo e in largo in bicicletta (giusto per essere rispettosa verso l'ambiente) vuoi per diletto che per effettuare commissioni, noto che le piste ciclabili e non, sono costellate da luccichii multicolori e di varie dimensioni che non sono altro che vetri rotti (con gran gioia dei biciclettai...) costringendomi a zigzagare funambolicamente. Proseguendo, ogni tanto si nota qualche carrello da supermercato abbandonato qua e là e ben lontano dalla sede naturale. E che dire poi dell'ultimissima moda di esporre vecchi divani ed esausti materassi sui marciapiedi (basterebbe una telefonata alla Iren per il ritiro) con tanto di ospite comodamente adagiato e dormiente?
Dimenticavo, le mascherine... a parte l'abbandono per strada (come se fossero intarsi di «patchwork» per via dei vari colori) ma addirittura appese ai rami degli alberi o dei cespugli come se fossero addobbi pre-natalizi!
Concludo soffermandomi su una abitudine adottata e sempre più dilagante e cioè lo sputare per terra o soffiarsi il naso ovviamente risparmiando i Kleenex, costringendoci a star bene attenti a non farsi investire da tali profluvi.
Rido per non piangere...
Lucia Calò
Parma, 12 agosto

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • maribett

    17 Agosto 2022 - 14:16

    Cara Lucia, non ci resta che piangere (o, se ce la fa, ridere) ...

    Rispondi

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI