20°

31°

il direttore risponde

Come abbiamo fatto a sopravvivere?

Ogni giorno Giuliano Molossi risponde ai lettori

Giuliano Molossi

Giuliano Molossi

Ricevi gratis le news
1

 

Signor direttore,
noi bambini degli anni Cinquanta, Sessanta, Settanta:
1. andavamo in auto che non avevano cinture di sicurezza né airbag…
2. Viaggiare nella parte posteriore di un furgone aperto era una passeggiata... speciale e ancora ne serbiamo il ricordo.
3. Le nostre culle erano dipinte con colori vivacissimi, con vernici a base di piombo.
4. Non avevamo chiusure di sicurezza per i bambini nelle confezioni dei medicinali, nei bagni, alle porte.
5. Quando andavamo in bicicletta non portavamo il casco.
6. Bevevamo l’acqua dal tubo del giardino invece che dalla bottiglia dell’acqua minerale…
7. Trascorrevamo ore ed ore costruendoci carretti a rotelle ed i fortunati che avevano strade in discesa si lanciavano e, a metà corsa, ricordavano di non avere freni. Dopo vari scontri contro i cespugli, imparammo a risolvere il problema. Sì, noi ci scontravamo con i cespugli, non con le auto!
8. Uscivamo a giocare con l’unico obbligo di rientrare prima del tramonto. Non avevamo cellulari… cosicché nessuno poteva rintracciarci. Impensabile.
9. La scuola durava fino alla mezza, poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (sì, anche con il papà).
10. Ci tagliavamo, ci rompevamo un osso, perdevamo un dente, si litigava e nessuno faceva una denuncia per questi incidenti. La colpa non era di nessuno, se non di noi stessi.
11. Mangiavamo biscotti, pane olio e sale, pane e burro, bevevamo bibite zuccherate e non avevamo mai problemi di sovrappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare…
12. Condividevamo una bibita in quattro… bevendo dalla stessa bottiglia e nessuno moriva per questo.
13. Non avevamo Playstation, Nintendo 64, X box, Videogiochi, televisione via cavo con 99 canali, videoregistratori, dolby surround, cellulari personali, computer, chatroom su Internet e lo scooter… Avevamo invece tanti tanti amici.
14. Uscivamo, montavamo in bicicletta o camminavamo fino a casa dell’amico, suonavamo il campanello o semplicemente entravamo senza bussare e lui era lì e uscivamo a giocare.
15. Sì! Lì fuori! Nel mondo crudele! Senza un guardiano! Come abbiamo fatto? Facevamo giochi con bastoni e palline da tennis, si formavano delle squadre per giocare una partita; non tutti venivano scelti per giocare e gli scartati dopo non andavano dallo psicologo per il trauma.
16. Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano. Nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo, nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né d’iperattività; semplicemente prendeva qualche scapaccione e ripeteva l’anno.
17. Avevamo libertà, fallimenti, successi, responsabilità... e imparavamo a gestirli.
Come abbiamo fatto a sopravvivere a crescere e diventare grandi?
Emilio Cocconcelli
Parma, 15 febbraio

 

Caro lettore,
ogni tanto me lo chiedo anch'io, che ho 59 anni, e che ho fatto tutte le cose che cita lei dal punto 1 al punto 17. Aggiungerei un punto 18 (Andavamo al cinema in sale piene di fumo) e forse me ne sfugge qualche altro. Comunque è vero: i nostri figli, che vivono sempre connessi, con lo smartphone in mano, non si capacitano di come abbiamo potuto vivere senza facebook, addirittura senza cellulare.... «Ma è pazzesco, ma come facevate?», ci chiedono. Eppure, è vero quel che lei dice, siamo sopravvissuti e ci siamo divertiti. Però mi creda, gli amici ce li hanno anche loro, e non solo virtuali. Amici veri con i quali condividono le stesse emozioni adolescenziali che abbiamo vissuto noi. Quelle non sono cambiate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    19 Febbraio @ 16.56

    DIRETTORE, A PROPOSITO DI FUMO, IO RICORDO CHE C'ERANO INSEGNANTI, DALLE ELEMETARI ALLE MEDIE, SU SU FINO AL LICEO, ME COMPRESO, CHE QUALCHE SIGARETTA SE LA FUMAVANO IN CLASSE. C'ERA CHI sapeva limitarsi, ma alcuni riempivano di spiralanti e densi coltri azzurrognole tutta la classe, pareva di essere a Milano, quella di altri tempi, con una nebbia da tagliare con l'accetta. Nessuno di noi è mai stato ricoverato in Camera iperbarica o ha sviluppato tumori all'apparato respiratorio, ma credo che sia meglio la proibizione del fumo, oggi, in certi ambienti. E fumavano come turchi anche parecchi medici, nei loro studi, ma anche per le corsie degli ospedali; Lei, Cocconcelli, è d'accordo anche su questi comportamenti di una volta?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

ESAME

La prima prova della Maturità: foto dalle scuole di Parma

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

Torna a Parma la Festa della Musica

SPETTACOLI

Parma, torna la Festa della Musica

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La VIP più bella di Parma? Conduce Benedetta Mazza

GAZZAFUN

Ecco altri VIP parmigiani: li conosci tutti? Scoprilo subito!

Lealtrenotizie

La tragedia di Paolo Superchi e l'attesa struggente della sua Saky

Schianto

La tragedia di Paolo Superchi e l'attesa struggente della sua Saky

Monticelli

Truffa dello specchietto: nomade denunciato

PARMA DEFERITO

Vogliono toglierci un sogno

PARMA

Incidente tra via Fleming e via Fermi, disagi al traffico

INTERVISTA

Le Moli e «Molto rumore per nulla»

IL CASO

Sala, piazza Gramsci non cambia nome

Disagi

Via Avogadro: dopo i ripetitori, ora anche il rumore

Lutto

Addio a Lino Morini, imprenditore nell'edilizia

BARDI

Le Poste risarciranno gli eredi dei derubati

CALCIO

"Tentato illecito", deferiti Calaiò e il Parma. La società: "Accusa sconcertante"

Ceravolo non è deferito. A rischio la serie A: si riapre uno spiraglio per il Palermo? - Il Parma Calcio 1913 sottolinea di non aver ricevuto comunicazioni e rassicura i tifosi

32commenti

Parma calcio

Carra: "La Serie A del Parma non può essere messa in discussione" Video

PARMA

Auto esce di strada e prende fuoco: un ferito grave in tangenziale Il video

12 TG PARMA

Parma calcio: cosa succederà ora e cosa rischia davvero

PARMA

Incidente in via Burla: muore un motociclista 49enne

La vittima dell'incidente è Paolo Superchi

2commenti

12 tg parma

Maturità a Parma, primo scritto fra tensione e scaramanzia: parlano i ragazzi Video

La traccia più seguita? La poesia di Alda Merini

PARMA

Massacro di via San Leonardo: Solomon in tribunale, udienza rinviata a luglio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dazi, i pericoli di una guerra commerciale globale

di Paolo Ferrandi

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

ITALIA/MONDO

Astronomia

Scoperta la materia che mancava all'universo

Modena

Nuotatore di Montecchio morto a 24 anni: la Procura ordina nuovi accertamenti

SPORT

RUSSIA 2018

Una brutta Spagna soffre ma piega l'Iran

Bellezze...mondiali

La Polonia ha perso, ma le sue tifose (sugli spalti) hanno vinto Gallery

SOCIETA'

Social Network

Instagram raggiunge un miliardo di utenti e sfida YouTube

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

MOTORI

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa

RESTYLING

La Mercedes Classe C fa il pieno. Di novità