20°

30°

il direttore risponde

Sisma, ben venga la "flessibilità"

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
1

Egregio direttore,
oggi credo opportuno parlare della posizione che potrebbe avere la Merkel di fronte alla perdita di voti che, secondo gli ultimi sondaggi, si sta facendo consistente. Commenta Roberto Giardina su «il Resto del Carlino» di ieri, mercoledì 31: «L'Afd (Alternative Ÿfur Deutschland) prende voti da ogni parte, denunciando che si spende troppo per i profughi, tra cui si nascondono possibili terroristi, e si risparmia a spese dei tedeschi meno fortunati, pensionati al minimo e disoccupati. Il quoziente di popolarità della Merkel scende di giorno in giorno, siamo a quota 42,16 punti in meno rispetto a luglio. La metà dei tedeschi non desidera un suo quarto mandato». Fino qui dunque, a parte su chi effettivamente ricada quel risparmio, si esprimono solo dei fatti. Ma è sulle previsioni che vi sono pareri diametralmente opposti. Giardina osserva: «I tedeschi, bisogna aggiungere, non si illudono che Renzi possa guidare di colpo il nostro Paese dal pantano in cui è sprofondato in questi ultimi anni. E si teme l'esito del referendum». In buona sostanza, secondo quel giornalista, siccome i tedeschi avrebbero paura di tale fallimento, il loro imperativo sarebbe «aiutarci». Chiude il suo articolo così: «La Merkel ci verrà incontro, purché i suoi elettori non se ne accorgano». Insomma, a noi italiani andrebbe bene solo... se i tedeschi si dimostreranno distratti! Mi pare un'ipotesi poco attendibile. Tanto più se si considera che proprio Giardina in quell'articolo ha fatto constatare che i pronostici per le prossime votazioni di domenica nel Mercklenburg-Pomerania Anteriore sono foschi: l'AfD potrebbe persino superare la Cdu della Merkel. Ma allora come si può pensare che i tedeschi siano così «distratti»? E' però altrettanto vero che Renzi abbia ottenuto assicurazioni dalla Merkel (proprio ieri) che ci darà una mano a Bruxelles quanto a «flessibilità». Io non so che incidenza avrà la parola dell'eurodeputata francese Sylvie Goulard (gruppo liberale) molto attiva nella Commissione problemi economici e monetari, che ha dichiarato «mi chiedo se in Italia gli investimenti antisismici non sono stati fatti per colpa della mancanza di flessibilità sui conti pubblici, flessibilità che oggi c'è, o per altre colpe che mi sembrano tutte nazionali» (si veda l'articolo di Antonio Salimbeni a pag. 8 sempre del Resto de Carlino di ieri). Forse dobbiamo sperare che anche i francesi... si distraggano? Probabilmente il fattore che andrà a incidere sarà la potenza... dell'ipocrisia. Tutti forse faranno finta che l'Italia abbia veramente bisogno di flessibilità puntando soprattutto su quell'imprevisto del sisma. Ma poi si troveranno quei miliardi necessari tutti gli anni per i lavori di adeguamento antisismico e per quelli contro il dissesto idrogeologico, nonché per quegli interventi per ridurre la spesa energetica? Ricorrendo alla «flessibilità»? Parliamo in un italiano comprensibile: flessibilità vuol dire aumento del debito pubblico e io avrei seri dubbi che aumentare ancora il debito pubblico sia alla lunga conveniente. Ma niente paura: i vecchi come me fan presto a diventare pessimisti. La colpa è l'aver vissuto la seconda guerra mondiale e quel primo dopoguerra. Invece bisogna sperare che si riesca ad uscire dal pantano nuovamente dopo settant'anni.
Giuseppe Pigozzi
Parma, 1 settembe
___________

Caro Pigozzi,
di economia non capisco quasi nulla (anche se mi consola il fatto che, probabilmente, neppure gli economisti ne capiscono, almeno a giudicare dalla quantità di previsioni sbagliate) e quindi non so se la “flessibilità” che ci verrebbe concessa finirebbe con l’aumentare il debito pubblico. A occhio, direi di sì. E quindi, i suoi timori sarebbero fondati.
Tuttavia c’è un fatto. Un pezzo d’Italia – quella colpita dal terremoto – è da ricostruire, e un altro pezzo, molto più grande, è da mettere in sicurezza. Quindi, i lavori vanno fatti. E senza flessibilità non si possono fare. Nella storia molti governi liberali, o almeno diciamo “non di sinistra”, hanno accettato l’idea di fare dello Stato un grande imprenditore che, attraverso una serie di opere pubbliche, facesse ripartire l’economia. E ci sono riusciti.
Quindi, se l’Europa ci desse il via libera a sforare per rendere antisismico il Paese, non ne sarei contrariato. Intanto, perché si eviterebbe il rischio di nuove sciagure, che oltre a fare dei morti ci sono già costate assai più che qualsiasi intervento di messa in sicurezza. E poi, perché forse davvero creerebbe un bel po’ di nuovi posti di lavoro.
Certo, l’esperienza ci insegna che spesso, in Italia, il denaro pubblico è stato speso male, finendo solo con il produrre quello che lei teme, cioè il mero aumento del debito pubblico. Per questo, se i tedeschi – oltre a concederci la flessibilità – dessero anche un occhio a come la usiamo, questa flessibilità, per una volta sarei anche disposto a tollerare l’ingerenza. Non li amo, i tedeschi. Ma in queste cose mi fido più di loro che di noi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    05 Settembre @ 16.54

    Io sono convinto che non sarebbe assolutamente necessario ricorrere alla cosiddetta flessibilità, se solo si avesse finalmente il coraggio,civico e politico, di eliminare le centinaia di Enti inutili, gli sprechi di opere che restano inutilizzate ed anche se gli emolumenti dei nostri cari parlamentari venissero drasticamente ridotti, insieme alla profluvio di sperperi nella PA. Non ultima, ma è solo un sogno irrealizzabile, una lotta senza quartiere e a fondo, contro gli evasori fiscali. Ma, come scrive il Direttore, non siamo in Germania, ma in Italia, il Pese dei Balocchi e dei Balordi, dei Furbetti e dei Ladroni.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

social

Vip e fake news, quando la bufala corre sul web: e c'è ci casca Gallery

Tweet inopportuni, Disney licenzia il regista dei Guardiani della Galassia

choc

Tweet inopportuni, Disney licenzia il regista dei Guardiani della Galassia

Trintignant, "per me la carriera è finita"

cinema

Trintignant, "per me la carriera è finita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

9commenti

Lealtrenotizie

Anna Maria Bianchi, il ricordo di Mauro Coruzzi

Lutto

Anna Maria Bianchi, il ricordo di Mauro Coruzzi

L'INCHIESTA

Maxi frode fiscale, indagati anche 2 professionisti parmigiani

Donazione

Fuoristrada all'avanguardia per la Cri

Concorso

A Valmozzola il clarinetto di Letizia Consigli è da primo posto

INTERVISTA

Squeri: «Vetro piano: innanzi tutto chiedete sicurezza»

COMUNE

Salso, la maggioranza diserta il Consiglio

ALMA

Davide Groppi racconta le sue luci «stellate»

FIDENZA

Addio a Macchidani, l'impegno in politica e a difesa dei lavoratori

lutto

Parma (e non solo) piange Anna Maria Bianchi: domani il rosario, lunedì i funerali - Video

dal ritiro

Parma, contro il Foggia (3-1) "buona forma fisica e applicazione degli schemi" Video

incidente

Schianto con la moto a Collecchio: grave un 21enne, in fuga l'amico 26enne Foto

soccorso alpino

85enne scivola su un sentiero a Lagdei e poi si sente male

Festa della lavanda alla Fattoria di Vigheffio Guarda chi c'era

Jihad

Terrorista iracheno arrestato a Parma torna libero e chiede lo status di rifugiato

1commento

GAZZAREPORTER

Piove, "acqua alta" in via D'Azeglio

1commento

gazzareporter

Caduto un pilastro in via Verona: "tragedia sfiorata" Foto

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Governo, il nemico è nelle scelte quotidiane

di Luca Tentoni

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

ROMA

Scontrino omofobo: ristorante offende coppia gay. E dal web parte il boicottaggio

2commenti

PIEMONTE

Temporali sull'Astigiano e sul Torinese, ingenti i danni

SPORT

il commento

Vettel in pole: la netta superiorità della Ferrari

ciclismo

Tour: 14ª tappa, Fraile 1° sul traguardo di Mende

SOCIETA'

social

Il bimbo e il cane giocano divisi dalla staccionata Video

il disco

I Pooh alla ricerca del Graal

MOTORI

IL TEST

Il futuro secondo Bmw? Elettrificato:25 novità da qui al 2025

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto