15°

24°

Il direttore risponde

Montanelli, Casalegno e pochi altri

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
0

Caro direttore,
mi sono riletto oggi con particolare piacere la bella pagina che avete dedicato al saggio di Nicola Porro e alla parte dedicata a te, al tuo coraggioso comportamento quando fare il giornalista sul serio era veramente difficile, se non impossibile oltretutto in certi posti come Milano. Nei miei 18 anni in piazza Cavour nel secondo piano del palazzo dei giornali era facile incontrare Montanelli, specie quando andavamo assieme a San Siro usufruendo del pullman che partiva davanti al cinema a causa del blocco del traffico. Era una festa circondarlo e farlo parlare. Per noi quasi giovani era già un mito e lo sarebbe diventato ancora di più dopo che lo ferirono. Per noi della Stampa ci fu l’uccisione del professor Casalegno che era molto legato a noi sportivi essendo delegato al controllo dello sport. Conservo ancora gelosamente un suo scritto quando mi premiò per una serie di articoli sullo sciopero in bianco del Torino (ero ancora al Valentino nella nuova sede) che mi costò l’abiura da parte della società granata. Pianelli scrisse protestando con il direttore Ronchey chiedendo la mia...testa. Come risposta La Stampa mi mandò la domenica dopo a fare il servizio sul Torino che giocava a Verona.
In effetti scrivere “contro” certa opinione pubblica, significava rischiare la pelle. Quando venni espulso da Cuba, Panorama mi descrisse come il giornalista che non aveva apprezzato il menu cubano. Automaticamente venni inquadrato come giornalista di destra, più o meno estrema. Avevo soltanto scritto quello che vedevo. Enzo Tortora, al ritorno in Italia mi dedicò un articolo elogiandomi per il mio coraggio essendo stato il primo giornalista a scrivere i servizi direttamente da L’Avana (e non dopo come facevano i colleghi al ritorno). Per il semplice fatto che avevo imparato a usare la telescrivente ed ebbi modo da mandare gli articoli, come avevo fatto in altre parti d’Europa quando telefonare era quasi impossibile. Dalla Russia, da Soci feci un po’ di ... corruzione coi dollari coinvolgendo quelli dell’ufficio postale e riuscii a mandare l’articolo. I colleghi ci riuscirono al ritorno a Milano in nottata. Immaginati quando a Torino - dove risiedeva la mia famiglia - mia moglie venne sorteggiata per fare parte della giuria popolare del processo alle Brigate rosse.... Ebbero pietà di lei apprendendo che era moglie di un giornalista della Stampa con due bambini: era indirettamente coinvolta con l’uccisione di Casalegno. Concludo complimentandomi ancora con te per avere fatto il nostro mestiere con grande coraggio e obiettività, come aveva fatto Guareschi. E come continui a fare con la Gazzetta anche se comprendo che non è facile. Parma è una città che non è quella che sembra. Buon lavoro
Giorgio Gandolfi

Caro Giorgio,
grazie per questa tua testimonianza, che è un piccolo saggio di storia. Ci ricorda i tempi in cui erano pochi ad avere il coraggio di dire ciò che era sotto gli occhi di tutti: e cioè che accanto un terrorismo di destra, quello delle bombe, ce n’era pure uno di sinistra. Le Brigate rosse rapivano e ammazzavano, ma per la stragrande maggioranza dei giornali erano “sedicenti”: fascisti o peggio ancora poliziotti mascherati. Quando Feltrinelli saltò per aria mentre metteva la dinamite su un traliccio dell’alta tensione a Segrate, tutto il giornalismo “perbene” disse subito che non c’erano dubbi, era stata la polizia ad accopparlo e poi a organizzare la messinscena: ci volle la testimonianza delle stesse Br, sette anni dopo, per far emergere la verità, e cioè che il miliardario-editore era “un combattente morto in battaglia”, cioè mentre cercava di far mancare l’energia elettrica a Milano. E quando ammazzarono il commissario Calabresi, che tutta l’intellighenzia aveva ingiustamente accusato di essere l’assassino dell’anarchico Pinelli, anche lì si invento una pista “di destra” che non esisteva né in cielo né in terra.
Pochi, dicevo, si opposero a quel clima infame. Tu ne ricordi due, Montanelli e Casalegno, e mi tocchi nei sentimenti, perché a Montanelli sono stato legato proprio da quando, nel 1991, uscì il mio libro che citi, L’’Eskimo in redazione”; e a Casalegno è intitolata la sala riunioni de La Stampa, dove ho lavorato fino a un anno fa.
Resta da chiedersi perché legioni di giornalisti, scrittori, uomini di cultura spettacolo eccetera si trasformarono in rivoluzionari da salotto. Non credo che lo fecero per ideologia, ma per qualcosa di peggio: per conformismo. Il vento vincente, allora, pareva quello che aveva cominciato a soffiare nel Sessantotto. E molti pensarono che era opportuno accodarsi. Come diceva Longanesi, al centro della bandiera italiana dovrebbe essere scritto “Ho famiglia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

musica

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era

FESTE PGN

Baccanale, gli amici di Angela: ecco chi c'era Foto

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra

CAMPANIA

Gay Pride: spot a Pompei con Ciretta Cascina e Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

IL VINO

Il «Chianti Governo», fresco e fragrante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

Michele Bolognino in una foto d'archivio

Processo Aemilia

'Ndrangheta, chiesti 30 anni per il boss Bolognino

E' il presunto referente della cosca nel Parmense. Richiesta una pena pesante anche per Aldo Ferrari

noceto

I sindacati: "Tragedia annunciata: sospendere le lavorazioni alla polveriera" Video

L'operaio di 37 anni è stazionario

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Roberto Bettati, campione di sollevamento pesi: aveva 54 anni

Gioco d'azzardo: giro di vite sulle slot machine a Parma

politica

Pizzarotti: "A Conte direi scappa a gambe levate"

Il sindaco di Parma è stato intervistato su Rai Radio1 durante il programma "Un Giorno da Pecora"

8commenti

12 tg parma

Tormenta la cassiera di un market: divieto di avvicinamento per lo stalker Video

12 Tg Parma

Auto abbandonata fra i rovi e riempita come un cassonetto Video

12 tg parma

Il latte delle mamme donato ai prematuri: la "banca" arriva a Parma Video

12 tg parma

Dal 28 maggio la Polizia municipale al lavoro h24 Video

6commenti

PARMA CALCIO

Sabato la premiazione in Comune, domenica la festa. Poi si pensa al ritiro estivo Video

12 tg parma

Promozione in A, il video di Dino Baggio: "Coi gobbi chiamatemi"

taneto

“Vampirizzano" il serbatoio del tir: denunciati tre dipendenti infedeli di un'azienda parmense

Parco Ducale

Chi ha ucciso Milly, la «mamma oca» del laghetto? E' morta per difendere le sue uova

11commenti

Lutto

Addio a Tony Wolf, il «papà» del pinguino Pingu. Era nato a Busseto

1commento

GAZZAREPORTER

Il raduno della grande famiglia Peracchi: in 74 a Varano Marchesi

meteo

Sapore d'estate, nel weekend sole e punte di 30 gradi

Piogge e temporali fino a mercoledì, poi "rimonta" alta pressione

PARMA

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quel patto sul premier è la fine del centrodestra

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MILANO

Litiga con la madre per il cellulare e cade dalla finestra: salva dopo un volo di 10 metri

SENTENZA

La Cassazione: "Ustica, i ministeri devono risarcire Itavia"

SPORT

calcio

L'Uefa rinvia a giudizio il Milan sui conti: Coppe a rischio

ciclismo

La Var anche al Giro: Aru penalizzato di 20 secondi

SOCIETA'

testimonial

Barilla, Federer-Oldani: nuove lezioni in cucina

REALITY SHOW

Grande Fratello, Mariana: "Bacio? Luigi ci ha provato con tutte" 

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più