17°

Lettera al direttore

L'arredo del centro storico

Lettere al direttore - logo
Ricevi gratis le news
0

Gentile direttore,
la bellezza di una città si esprime anche nelle piccole cose e nelle attenzioni dedicate ai particolari; cittadini e turisti assaporano l'armonia e l'eleganza di una città, in particolar modo del suo centro storico, in maniera naturale, spesso inconsapevolmente e senza soffermarsi troppo ad analizzare forme, proporzioni e materiali che, derivando da tradizioni talvolta secolari, risultano loro familiari. Quando qualcosa di «sbagliato» viene inserito in questo equilibrato contesto immediatamente stona... e così, ahimè, in quel di Parma irrimediabilmente stonano, fra tante altre cose, anche questi piccoli, ma a mio avviso stupidamente importanti (e rimediabili), dettagli: i cestini pubblici «multicolor» piombati dal cielo negli angoli più belli del centro, i disabitati «gabbiotti» in vetro della Municipale e le avveniristiche panchine su cui ci riposiamo in piazza Garibaldi. I cestini pubblici «multicolor» per la raccolta differenziata pagano un impietoso confronto con i classici cestini di Parma, «...quelli rossi!», al punto che posizionati al loro fianco in luoghi storici (vedi, primo fra tutti, piazza Duomo) ne escono irrimediabilmente malconci; non metto in discussione l'apporto alla raccolta differenziata che i cestini del centro storico possono apportare (quasi nullo?), capendo bene che la loro funzione è più quella di mandare un giusto messaggio, una linea di comportamento, un principio a cui attenersi, metto invece in discussione le forme, i materiali e i colori utilizzati per questi cestini: modello standard per tutta la città e, forse, per tutte le città. Modificare i classici cestini rossi di Parma inserendo piccole, delicate, didascalie/istruzioni non sarebbe stato sufficiente? Pensare, come hanno fatto altri, ad un apposito modello di cestino da utilizzarsi nel centro storico, che riprendesse nelle forme e nei colori quelli storici e si inserisse nel contesto con impatti meno vigorosi non era possibile? La richiesta è questa: almeno in centro storico, per favore, ridateci i nostri bei cestini rossi con la scritta «Città di Parma» color oro. I disabitati «gabbiotti» in vetro della Municipale, installati in passato in scia ad una frenesia di sicurezza pubblica, a simbolo di perenne presidio della legalità, giacciono inutilizzati ed abbandonati in alcune splendide aree del centro storico, spesso «impallando» la vista di chiese e monumenti (vedi, ad esempio, il «gabbiotto» installato in via D'Azeglio di fianco alla chiesa dell'Annunziata), utili ormai solo come bacheche su cui attaccare volantini pubblicitari e foto di gatti smarriti: perché non vengono smantellati? Le avveniristiche panchine di piazza Garibaldi, «modello aeroporto», anche belle, ma realizzate in forme e materiali più adatti a un centro commerciale o a una stazione che non al cuore storico della città, si affiancano agli altri mille modelli spuntati negli ultimi anni; panchine che innegabilmente stonano con il luogo in cui sono state inserite, ma che, nei fatti, sono molto usate da cittadini e turisti per riposarsi e chiacchierare un poco guardando il Palazzo del Governatore e la statua di Garibaldi, panchine talvolta in mezzo ai piedi (quando c'è necessità di organizzare concerti e mercatini), panchine in ogni caso utili ma che, diciamocelo con chiarezza: non sono assolutamente adatte al contesto in cui sono state inserite: per favore, cambiatele. Il centro storico di Parma è regolato da una serie di (giuste) norme e prescrizioni che disciplinano l'utilizzo di materiali, forme, colori... perché queste regole non valgono per i piccoli interventi pubblici? Un cestino, un «gabbiotto» o una panchina valgono meno di una vetrina, del materiale di un infisso, del colore di un intonaco? Mi chiedo come la Soprintendenza abbia potuto concedere (lo ha concesso?) il nulla osta all'installazione di tali oggetti e, pur capendo che si sta parlando di cose di poco conto e di dettagli, non posso fare a meno di evidenziare l'importanza che questi dettagli hanno nel dimostrare, ai cittadini e ai tanti turisti che visitano Parma, la cura che una città dovrebbe avere per sé stessa, per presentarsi come una città bella, armoniosa ed equilibrata, non come una città trasandata.
Devis Sbarzaglia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gli amici di Santa Maria del Piano alla "Vecchia volpe": ecco chi c'era - Foto

feste pgn

Gli amici di Santa Maria del Piano alla "Vecchia volpe"  Ecco chi c'era: foto

Grande Fratello: Benedetta Mazza e Stefano Sala sempre più vicini nella "Casa" - Foto e video

GRANDE FRATELLO

Nella Casa e in piscina, Benedetta Mazza e Stefano sempre più vicini Foto Video

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida

USA

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

KATE FINN, la donna morta nel cercare il cibo perfetto

VELLUTO ROSSO

Teatro Due: Kate Finn, la donna morta nel cercare il cibo perfetto Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Meteo, da lunedì arriva l'autunno con un brusco calo delle temperature

meteo

Godiamoci l'ultima domenica "estiva": da lunedì arriva il freddo. Ma Parma si salva Video

Centro commerciale

Le associazioni ambientaliste attaccano il Comune. La replica: "Continuiamo con totale trasparenza"

3commenti

FIAMME GIALLE

Parma Urban District: i nomi e i retroscena dell'inchiesta

5commenti

domani ore 15

Parma-Lazio: Gervinho non ci sarà. Tardini verso il tutto esaurito

1commento

12Tg Parma

Furto al chiosco della Cittadella: l'amarezza del gestore Video

Il gestore: "Quando c'era il custode queste cose non accadevano"

PARMA

Rapinarono un salone di parrucchiere in viale Fratti: in cella cinque nigeriani

Indagine dei carabinieri. Uno degli africani aveva cercato di fuggire ma è stato bloccato alla frontiera

UN ALTRO CASO

Fumo dal motore: evacuata una corriera Tep a Coltaro

3commenti

GAZZAREPORTER

"Portici del Grano: chi ha scritto sulla foto?"

Scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video!

1commento

montagna

La "guerra delle castagne", i proprietari: «Basta furti»

1commento

AGENDA

Tra fumetti, tartufo e passeggiate coi cani: l'agenda del sabato

L'INCHIESTA

L'Hiv fa ancora paura. Più a rischio i maschi fra 40 e 55 anni

LUTTO

Addio a Gianalessandro Isi, letterato e melomane

12Tg Parma

Ladri a Sala Baganza: svaligiata un'abitazione Video

Tribunale

Processo Federitalia, la parola ai difensori

solidarietà

Cinghio Sud: inaugurata la nuova sede di Emporio Solidale Foto

Sant’Ilario d’Enza

Ha dissapori con un giovane e incendia l'auto di sua madre: denunciato 25enne 

I carabinieri sono risaliti al giovane, che ha confessato di aver incendiato una Ford Focus a Calerno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Alitalia e il ritorno dello Stato imprenditore

di Paolo Ferrandi

CHICHIBIO

Trattoria Mussi, semplicemente la buona cucina di montagna

ITALIA/MONDO

rieti

20enne ucciso durante una battuta di caccia al cinghiale. Il colpo esploso da un compagno

REGGIO EMILIA

Bus al capolinea, palpeggia e bacia 16enne, autista a processo

SPORT

Serie A

Il Napoli strapazza l'Udinese

brindisi

Verso della scimmia a due giocatori africani: 7 daspo a tifosi del Gallipoli

SOCIETA'

USA

Quanta paura: l'aereo atterra in autostrada

Siena

Palio straordinario vinto dai gialloblù della Tartuca con il cavallo scosso

MOTORI

MOTO

Prova Harley-Davidson Sport Glide

ANTEPRIMA

X7, il Suv di lusso di Bmw Fotogallery