14°

27°

lettere al direttore

La lettera: "Mance per spalare la neve, ecco perché sto coi migranti di Noceto"

Lettere al direttore - logo
Ricevi gratis le news
4

"Egregio direttore,
i migranti intraprendenti hanno un ispiratore e un collaborazionista, il sottoscritto. Che se ne assume tutta la responsabilità. Negli anni Sessanta così si faceva, senza finire sulla Gazzetta. Quanti erano contenti di poter dare la mancia a un bisognoso che si offriva di spalare la neve nel cortile! Ma oggi tutto deve essere istituzionalizzato.
Mi pare che tutta questa caciara sine materia si svolga fra Comune e cooperativa, fra cittadini e autorità, senza che l’oggetto, cioè i ragazzi, siano minimamente interpellati, anzi senza che nemmeno siano coscienti di questo tourbillon alle loro spalle.
Abbiamo dodici persone da 18 mesi nella nostra comunità, li vediamo per strada, sull’autobus, al supermercato, in tabaccheria, in chiesa. E chi li conosce? Oltre l’aspetto africano, chi conosce l’indole, la prestanza, l’intelligenza, gli affetti, le angosce e le speranze di questi cristiani? Dopo 18 mesi di permanenza, la maggior parte stenta l’italiano, ma tutti hanno le doti espressive e comunicative per farsi intendere. Perché non sono mai stati avvicinati faccia a faccia? Perché per comunicare con loro si usa l’operatore della cooperativa? Non conosciamo l’inglese?
È stato considerato un evento estraneo, e come tale probabilmente è cominciato, dove la nostra comunità non entrasse non dovesse, non potesse e non volesse entrare. Ma questi sono, a tutti gli effetti - almeno fino al possibile riconoscimento o meno della protezione internazionale - residenti. Il lavoro volontario non può essere imposto, né può essere preteso. Se la nostra cultura, tanto più nell’attuale reviviscenza dell’italianità e dell’amor patrio, li riconoscesse nella veste di ospiti, e per di più stranieri.
Tutti loro hanno una famiglia in Africa, che da loro si aspetta qualche provento di tanto in tanto o in occasione di eventi avversi. Laggiù il mito dell’Europa felix resiste a tutte quelle che per noi sono evidenze contrarie e non viene scalfita dalle notizie che i loro ragazzi possano riportare, perché loro sono felici di essere in Europa e fanno apprezzamenti lusinghieri sul luogo, Noceto, dove la provvidenza li ha condotti. Sono carichi di entusiasmo, di speranza di tenacia, di energie."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • NO-M5

    07 Marzo @ 15.51

    una volta dare la "Mancia" o anche solo offrire un caffè al postino, lo spazzino ,a chi ti spalava la neve a l'infermiere era una cosa normale anche se era pagato per farlo......adesso e andato fuori moda perchè tutto e dovuto a tutti ma i valori umani dove sono finiti...

    Rispondi

  • Michele E

    07 Marzo @ 15.17

    Negli anni '60 i bisognosi erano con le pezze al c..., non jeans alla moda e cellulare in mano, e nessuno di quelli era spesato dallo Stato, indipendentemente da quanto gli arrivi in mano. Basare una tesi "difensiva" sull'ipotesi di uguaglianza tra le situazioni, odierna e passata, fa perdere valore a tutto quanto detto dopo, anche se in parte condivisibile.

    Rispondi

  • Filippo

    07 Marzo @ 14.23

    Concordo: apprezzabile che si siano offerti, anche in cambio di una mancia. Molto meglio che stare con le mani in mano, o peggio.

    Rispondi

  • danila

    07 Marzo @ 12.59

    giusto ! anche inonni (volontari?) che fanno attraversare bimbi davanti alle scuole sono retribuiti ma bianchi

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

tifo e tifose

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

2commenti

Ballottaggi

Urne aperte a Salso: alle 12 ha votato il 18,36% Video

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

cus parma

Triathlon Campus e Duathlon Francigeno Guarda chi c'era

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

1commento

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

5commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

8commenti

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

12 tg parma

Disabili e lavoro: a Parma numeri in crescita ma liste d'attesa ancora lunghe Video

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

1commento

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

belluno

Turista si lancia dalla cima di un monte con tuta alare e muore

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

SPORT

mondiali

Inghilterra a valanga su Panama, 6-1: è agli ottavi

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

SOCIETA'

cina

Il bus si ribalta e i passeggeri volano fuori dal finestrino

Cina

Distrugge Ferrari appena uscita dalla concessionaria

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse