Sei in Mediagallery

Maltempo

200 pini secolari sradicati dal vento a Milano Marittima

10 luglio 2019, 15:21

Chiudi
PrevNext
1 di 10

 Circa 200 pini secolari sono stati abbattuti dalla violenta tromba d’aria che si è abbattuta in mattinata a Milano Marittima (Ravenna) sui viali, senza contare quelli che sono invece caduti in pineta. Lo conferma  il sindaco di Cervia Massimo Medri. Significativi anche i danni agli stabilimenti balneari sulla spiaggia. La tromba d’aria, in arrivo dal mare, si è scatenata sul litorale per circa 10 minuti, in un’area molto circoscritta, di circa un chilometro quadrato dove ha abbattuto gli alberi e provocato numerosi danni che sono ancora in corso di quantificazione. 
«Ci sono circa 150 persone impegnate per ripristinare i servizi - ha detto il sindaco Medri - abbiamo ricevuto aiuto dai Comuni vicini e anche molti turisti si sono rimboccati le maniche per aiutarci». 
In corso di verifica i danni agli stabilimenti balneari che però, da domani, torneranno in pieno servizio. Danneggiate anche molte auto che erano parcheggiate lungo la strada dove sono caduti gli alberi. 
Non destano invece particolari preoccupazioni le condizioni della donna ferita, che resta ricoverata all’ospedale di Cesena. 
 

Maltempo: Bonaccini, vertice a Milano Marittima sui danni

 «Alle 18.30 sarò a Milano Marittima per un sopralluogo dove sono accaduti i danni, voglio andarci subito». Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. «E' già là Paola Gazzolo», assessore regionale all’Ambiente e Protezione civile, «che si trovava nel riminese" e «farà o sta già facendo un vertice al Comune con tutte le istituzioni e gli enti interessati». 
«Purtroppo abbiamo bisogno di fare interventi sulla sostenibilità ambientale - prosegue Bonaccini - perchè i cambiamenti climatici ogni giorno causano danni drammatici e a volte anche perdita di vite umane». «Sarò là oggi - conclude - perchè vogliamo andare a verificare di persona e vogliamo anche dire che le istituzioni ci sono e ci saranno».(ANSA). 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA