Sei in Mediagallery

FARMACEUTICA

Nasce la nuova "casa" del gruppo Chiesi - Video

27 gennaio 2021, 11:28

Nasce la nuova “casa” del Gruppo Chiesi, innovativa e sostenibile. Alle porte della città di Parma, di fronte al Centro Ricerche inaugurato nel 2011, ospita circa 540 persone degli uffici direzionali del Gruppo, attualmente presente con proprie filiali in 30 Paesi nel mondo.

Costruito su una superficie di 46.300 metri quadrati - riqualificando un’area industriale dismessa senza alcun consumo di suolo agricolo - il nuovo Headquarters Chiesi rappresenta il primo passo di un percorso virtuoso avviato dall’azienda per tutte le proprie sedi in Italia e nel mondo. Si tratta del Programma Better Building incentrato sul miglioramento della sostenibilità dei siti aziendali in un’ottica di benessere delle persone e delle comunità, oltre che nel rispetto della salute del Pianeta.

L’Headquarters è il primo edificio nel suo genere, categoria LEED BD+C v.4 New Construction, ad aver raggiunto il livello Platinum in Italia ed è tra i primi 35 edifici al mondo. Inoltre, anche il centro Ricerche del Gruppo ha ottenuto nei primi giorni di gennaio la certificazione LEED Gold. Un altro importante traguardo, simbolo dell’impegno concreto dell’azienda verso la riduzione progressiva degli impatti ambientali, sia in fase di progettazione che di costruzione. Un passo significativo verso l’obiettivo di raggiungere la Carbon Neutrality entro il 2035, ovvero avere un’impronta di carbonio pari a zero ben prima del 2050, in linea con l’accordo di Parigi.

 Si tratta di un’opera simbolo delle caratteristiche di innovazione, sostenibilità e attenzione alle persone che da sempre contraddistinguono il nostro Gruppo” - racconta Alessandro Chiesi, Chief Commercial Officer del Gruppo Chiesi - “La nostra nuova ‘casa’ è stata pensata per convivere in armonia con il territorio e con la comunità locale, un elemento che ci consente di proseguire nel nostro percorso di sviluppo e di crescita legato alla visione di un futuro da rendere sempre più sostenibile attraverso azioni concrete”.