×
×
☰ MENU

MALTEMPO

Tromba d'aria nel Salento: bagnanti in fuga e alberi sradicati - Video

16 Agosto 2022,18:03

 Dopo Ferragosto l’Italia sembra quasi spaccata in due. Le previsioni nei prossimi giorni danno infatti l'allerta caldo per l’anticiclone africano, dove sono previsti picchi di 42-43 gradi, mentre oggi dal centro, fino al sud, le regioni sono state colpite dal maltempo, tra trombe d’aria e nubifragi.
Al nord, invece, c'è stato un nuovo crollo sulla Marmolada. Una frana di grosse dimensioni si è staccata a Cima Uomo nel pomeriggio sul versante che dà verso la Valle di Fassa. Al momento - informa la Protezione civile della Provincia autonoma di Trento - è in corso un sopralluogo aereo con gli esperti del Servizio geologico. Al momento non risulterebbero persone coinvolte.
In Salento, invece, una tromba d’aria ha scatenato il fuggi fuggi di bagnanti. Sul litorale delle marine di Melendugno tra Roca, Torre Sant'Andrea, Torre dell’Orso e San Foca, il vento ha sradicato alcuni alberi, divelto la segnaletica stradale, danneggiato i dehors di alcuni locali e i pali delle luce, uno dei quali è caduto su un’auto. Il nubifragio ha provocato anche il crollo di una parte del muro perimetrale del faro di Sant'Andrea, e di parte della staccionata che circonda l’antica torre di Torre dell’Orso,
Un’altra tromba d’aria ha invece colpito Sassari, dove i danni sembrano anche più gravi di quelli fatti in Puglia. Tetti delle case quasi scoperchiati, alberi caduti, cornicioni finiti sulle auto in sosta: questo il bilancio del ciclone che durante la notte si è abbattuta su Osilo, nella provincia sarda.
In Campania, invece, temporali hanno messo a dura prova l'Irpinia. Oltre trenta gli interventi dei Vigili del Fuoco e ad Avellino il vento ha divelto la lamiera di un edificio in riparazione che è finita sulla sede di una scuola per l'infanzia. Mentre è rimasta bloccata da grossi alberi sradicati dal ciclone, la strada provinciale che attraversa il bosco nel comune di Montemarano. Disagi dal maltempo anche in Toscana, dove la sala operativa del 112, durante il nubifragio ha ricevuto ben 4.039 chiamate, di cui l’85% dalla provincia di Firenze, l’area maggiormente colpita. Chiamate che si sono trasformate in 240 richieste di intervento. Una delle zone più colpite dal nubifragio durante Ferragosto, è stata Bagno a Ripioli, a sud di Firenze. Per questo il sindaco Francesco Casini ha chiesto alla Regione Toscana e alla Città Metropolitana «l'attivazione dello stato di emergenza», spiegando che «a seguito del violentissimo nubifragio che si è abbattuto questa notte» sul territorio di Bagno a Ripoli, «si stanno verificando mancanze di corrente elettrica e fornitura di acqua che saranno ripristinate nel più breve tempo possibile».
Bandiera verde issata a Siena che sta a significare: stop al palio. Gli acquazzoni nella regione costringono infatti a bloccare il corteo storico, in programma per questa sera alle 19.15, rinviato quindi a domani a causa del maltempo. Dopo la bufera e la tregua di Ferragosto, torneranno però a salire le temperature, quasi in Italia. Se oggi sono diciotto le città con bollino verde, già domani scenderanno a 9, con la certezza che il 18 agosto a Palermo sarà di nuovo una giornata da bollino rosso. 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI