Sei in Gallery Sport

Genoa-Sassuolo 1-1: i modenesi superano il Parma in classifica

03 febbraio 2019, 19:40

Chiudi
PrevNext
1 di 10

Il Sassuolo pareggia 1-1 in casa del Genoa e supera il Parma in classifica. Dopo il pareggio con la Juventus, i crociati sono saliti a 29 punti. Hanno raggiunto il Sassuolo provvisoriamente: oggi infatti i modenesi hanno staccato il Parma di un punto, salendo a 30. 

La cronaca
Pareggio con poche emozioni al Ferraris tra Genoa e Sassuolo. Botta e risposta nel primo tempo con gli ospiti in vantaggio grazie a Djuricic e il Genoa che pareggia con il primo gol davanti al suo nuovo pubblico di Sanabria, che fa la seconda rete in due gare. Il pareggio non accontenta nessuno. Il Sassuolo voleva tre punti per stare vicino alla zona Europa League e il Genova per allontanarsi ancora di più dalla zona retrocessione.
Il primo tempo è comunque appannaggio del Sassuolo che conduce sempre il gioco e impedisce all’avversario di giocare. Ospiti vicini al gol con Babacar che cerca la girata al volo su cross di Lirola ma il pallone finisce alto. Alla mezz'ora Berardi va via a Criscito sulla destra e mette in mezzo, la difesa del Genoa è disattenta e Duncan e Locatelli possono servire Djuricic che sul secondo palo, tutto solo in area, trafigge Radu. Prandelli ridisegna il Genoa passando dal 4-2-3-1 al 4-4-2 e al 34' va subito vicino al pareggio con Sanabria che di testa sfiora il palo su assist di Lazovic. Per l’attaccante paraguaiano è solo l’antipasto del gol che arriva al 41': Kouamè devia con il volto un cross in area servendo così Sanabria che controlla e all’altezza del dischetto lascia partire un tiro in giravolta che batte Consigli.
Nella ripresa il Genoa gioca meglio e sfiora il gol con Kouamè al volo e con Sanabria. Il Sassuolo ribatte e Radu para bene a terra un insidioso tiro rasoterra ma è ancora Kouamè a sfiorare il vantaggio con un tiro deviato dal portiere in angolo. Prandelli mette Veloso e Pandev ma non serve. Il Sassuolo ha il rimpianto di non avere sfruttato la gran mole di gioco del primo tempo, quando ha praticamente sempre nascosto la palla all’avversario ma senza essere mai veramente pericoloso in area. Il nuovo Genoa di Prandelli ha avuto la possibilità di vincere e si deve accontentare. Buono l’esordio dei due nuovi centrocampisti Radovanovic e Lerager. Hanno prima fatto diga davanti alla difesa e hanno spinto nella seconda fase di gioco. Per vedere più gioco di squadra ci vuole un pò di tempo in più. Domenica rossoblù a Bologna per una sfida delicata con la terz'ultima.