Gallery

Natale di 50 e 70 anni fa

25 dicembre 2015, 13:01

Chiudi
PrevNext
1 di 0

Il Natale di 50 anni fa nelle pagine della "Gazzetta di Parma". Erano giorni infuocati per i dipendenti delle poste, quelli che precedevano il 25 aprile 1965, come si vede dal tavolo pieno zeppo di biglietti di auguri e di lettere da consegnare nelle case dei parmigiani.
Sulle pagine della Gazzetta di Parma c'era la pubblicità per i regali di Natale: ecco allora la bici graziella, in via Nazario Sauro, i dischi a 33 e 45 giri del negozio il discobolo, in via XX marzo le radio e la tv phonola, da Bontempelli, in via Repubblica, e c'erano anche le prime tv con i primi telecomandi senza filo.
Al cinema Ducale di via Bixio, oggi trasformato in condominio e uffici,riproponevano un classico: Peter Pan della Walt Disney, All'Ariston di via Petrarca c'era il film di Stanlio & Olio, al Verdi “agente 007 thunderball (operazione tuono). 

Più sobrio era il natale di 70 anni fa. Il primo natale di Pace, dopo anni di guerra. Sulla "Gazzetta>, in quei giorni, i promotori dell' “associazione per l'arte” scrivevano al sindaco per opporsi all'abbattimento del monumento a Verdi, che “caratterizza l'ingresso di Parma”, dedicato “ad uno dei più gloriosi e famosi figli di questa terra”. Purtroppo la loro battaglia non riuscì a salvare il monumento. Nelle feste del 1945 si ballava al salone Cobianchi, sotto piazza Garibaldi, con feste danzanti, al supercinema Orfeo c'era “l'ange de la nuit”, film del 1944. I regali che si pubblicizzavano sulla gazzetta di Parma erano pochi: la più vistosa era la Radio phonola, senza interferenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA