Gallery

Presepi e polemiche: quando Gesù finì nel cassonetto

02 gennaio 2016, 12:57

Chiudi
PrevNext
1 di 3

Forse mai come quest'anno il tema dei presepi ha sollecitato iniziative e polemiche. Forse, però, pochi ricordano che una forte polemica nacque a Parma esattamente 20 anni fa, per un particolarissimo presepe che collocava Gesù Bambino in un cassonetto.

L'idea era partita da un parroco per il quale quella non sarebbe stata nè la prima nè l'ultima questione ad originare polemiche e divisione di opinioni: don Luciano Scaccaglia. In Santa Cristina, infatti, il presepe delle Festività 1995-96 fu realizzato in tre scene.

Nella prima scena (che vedete nella seconda foto) il Bambino era steso a terra, all'ingresso della chiesa, in una grande tela di sacco. Poi c'era la scena che raffigurava un barbone in mezzo a cartacce e immondizie. Infine, e questa fu la parte che sollevò le polemiche, un piccolo Gesù era posto all'interno di un cassonetto dell'Amnu (la municipalizzata di allora) colmo di rifiuti, come si vede nella prima delle foto tratte dalla Gazzetta di Parma di allora.

Don Scaccaglia parlò di "messaggi graffianti per far riflettere", ma la reazione dei parmigiani vide consensi e anche tante critiche.

Parma com'era - Fotostorie di 10-20-30 anni fa: