Gallery

Lo sfogo della Pellegrini: "Un conto troppo salato"

10 agosto 2016, 11:23

Chiudi
PrevNext
1 di 13

Una delusione enorme, anzi un "dolore" fortissimo, "un male fortissimo", "un conto troppo salato da accettare", tanto da pensare che "forse è tempo di cambiare vita ...forse no....certo è che un male così forte poche volte l’ho sentito". Federica Pellegrini non riesce a mandar giù l’amarezza per il quarto posto nella finale dei 200 stile libero. Dopo le interviste dell’immediato post-gara ("mi sembra di vivere un incubo"), uno sfogo ancora più forte nei contenuti su Instagram. "Eh già non è arrivata - scrive riferendosi alla medaglia tanto attesa e poi sfumata -. Fa così male questo momento che non potrei descriverlo! Non è un dolore di uno che accetta quello che è successo, anzi è un dolore di una che sa cosa ha fatto quest’anno...la determinazione che ci ha messo...il mazzo che si è fatta. I pianti per i dolori e per la fatica...lo svegliarsi la mattina e dopo 7 ore di sonno sentirsi come se ti avessero appena preso a pugni quanta è ancora la stanchezza...sì ho 28 anni....bla bla bla....ma ci credevo...ho combattuto con tutto quello che avevo e purtroppo ho perso...", scrive la Federica Pellegrini che poi fa tremare i suoi fan con una frase che fotografa tutta la sua delusione. "Forse è tempo di cambiare vita...forse no....certo è che un male così forte poche volte l'ho sentito....colpa di nessuno anzi, volevo ringraziare tutte le persone che mi hanno fatto sentire in quest’anno come da molto tempo non mi sentivo". I ringraziamenti della 'Divinà vanno a "Matteo Giunta che mi ha fatto volare, a Filippo Magnini che mi è sempre stato vicino in ogni momento, a Marco Morelli che ha curato le mie ferite, a Bruna Rossi che ha curato la mia mente.... Grazie a tutti voi perchè abbiamo dato tutti il massimo quest’anno ma purtroppo in questo sport si vince di centesimi e si perde di centesimi...e oggi - conclude Federica Pellegrini - qualcuno ci ha presentato un conto troppo salato da accettare...". 

L'intervista a caldo: "Mi sembra di vivere un incubo"

«Mi sembra di essere in un piccolo incubo. In acqua ho avuto sensazioni talmente tanto strane che non aver preso la medaglia è onestamente il mio ultimo pensiero. Negli ultimi 50 metri sono 'mortà: non ne avevo più». Queste le prime parole di Federica Pellegrini dopo il quarto posto nella finale olimpica dei 200 stile libero.
Pochi minuti dopo il quarto posto nella finale olimpica dei 200 stile, Federica Pellegrini non sa spiegare «quello che è successo. Durante la gara - ha detto la portabandiera azzurra - ho avuto sensazioni completamente diverse rispetto a quelle di ieri. Non mi era mai successo prima. Pensavo di poter lottare almeno per il bronzo, peccato!».
Ai microfoni della Rai, la nuotatrice italiana ha spiegato che «dopo i primi 150 metri ero così stanca che pensavo di essere più veloce. Poi non ne avevo più e ho chiuso gli occhi fino all’ultimo tocco. Ho dato tutto, mi dispiace, il bronzo - ha concluso - era a due decimi».

"Non so spiegare cosa sia successo, mi sembra di vivere un piccolo incubo. Ho avuto completamente sensazioni diverse rispetto a quelle di ieri pomeriggio. Sono proprio morta, sono arrivata all’ultimo cinquanta che non ne avevo più, non mi era mai successo. E’ molto strano". Questa la delusione di Federica Pellegrini per il quarto posto nei 200 metri stile libero ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro.