Gallery

Le sere del Parco Martini: falò, cocci e altri vandalismi

29 agosto 2016, 14:38

Chiudi
PrevNext
1 di 5

Hanno inviato le foto e le parole del loro disagio all'assessore all'Ambiente Gabriele Folli. Antonella e Alessia raccontano le sere (e di conseguenza i "ritrovamenti" diurni) del Parco Martini, che potrebbe essere un bel parco ad uso delle famiglie se.. Se.

Ecco i commenti di queste due cittadine: "Questa è la situazione che si presenta al mattino al parco Martini. Sono arrivati a fare falò..... anche con i pezzi in legno divelti dalle panchine. Tutto questo avviene dalle 19 in poi. A luglio ho visto per qualche giorno la polizia municipale, ma alle 8 del mattino, dove non c'è nessuno se non chi fa jogging o porta fuori il cane. Penso che i controlli andrebbero fatti alla sera quando gruppi numerosi di persone si appropriano del parco e ne fanno quello che vogliono. Capisco sia difficile cambiare la cultura e i modi di vivere di certe persone, ma bisognerebbe almeno provarci, visto che si stanno investendo soldi pubblici nella riqualificazione dei parchi, per poi constatare che c'è chi se ne frega altamente e ne approfitta per distruggere tutto!". "Oggi l'ennesimo esempio di inciviltà, sempre al Parco Martini, per mancanza di controlli serali, tra l'altro molto pericoloso: nel piazzaletto dove si trova la fontana hanno rotto almeno 5 bottiglie di birra. Ci sono vetri ovunque. Io stavo passando con i cani e per fortuna mi hanno avvisato sennò si sarebbero tagliati".

W ancora, mostrando le foto: "Questi sono due tombini davvero rischiosi che si trovano al Martini. Uno è vicino all'area cani, l'altro nel prato di fronte all'area cani. Se qualcuno ci dovesse malauguratamente mettere piede o zampa le conseguenze potrebbero essere drammatiche. In più purtroppo dei vandali hanno già spaccato la maniglia de cancello dell'area cani nuova!! Sarebbe quasi meglio un sistema che chiudesse da sopra in ferro e resistente. Sfortunatamente dobbiamo convivere con queste persone o giovani non rispettosi del bene comune."