Sei in Gallery

Il valore delle differenze: flash mob degli alunni al Parco Ducale Foto

06 maggio 2017, 13:59

Chiudi
PrevNext
1 di 0

Il Parco Ducale si è riempito di sorrisi, colori e pensieri grazie al flash mob che ha celebrato la conclusione del progetto “Teniamoci in con-tatto: educare al riconoscimento ed alla valorizzazione delle differenze”.


L’obiettivo del flash mob era quello di restituire in pochi minuti alla cittadinanza, il senso e il significato del tema “differenze a scuola”, emerso ed elaborato durante i laboratori teatrali.
Il progetto si pone la finalità di mettere in atto forme di educazione sul riconoscimento e il rispetto delle differenze, il superamento degli stereotipi e la promozione di una cultura positiva sui rapporti di genere e sulle loro rappresentazioni, attraverso linguaggi artistici e culturali. Tutto questo è avvenuto con la realizzazione nella scuola di laboratori teatrali che hanno visto il coinvolgimento di oltre 300 studenti, che si sono esibiti a fine aprile al Teatro al Parco.

Le scuole coinvolte nel corrente anno scolastico sono 8, per un totale di 13 classi e circa 310 tra bambini e ragazzi:Istituto Comprensivo Sanvitale-Fra’ Salimbene (classe 5C primaria); Istituto Comprensivo di via Bocchi (classi 2B-4A primaria); Istituto Comprensivo di via Montebello (classi 1B primaria e 2E secondaria); Istituto Comprensivo Micheli (classi 2A-3B-4B primaria e 2D secondaria); Istituto Comprensivo Ferrari (classe 2E secondaria); Istituto Comprensivo Parmigianino (classe 2D secondaria); Istituto Comprensivo Verdi (classe 1B secondaria); Convitto Maria Luigia (classe 4D primaria).
I laboratori di teatro, all’interno delle scuole sul tema delle differenze, sono stati condotti da professionisti dei teatri cittadini: Associazione ZonaFranca (capofila del progetto), Teatro delle Briciole, Teatro del Cerchio, Europa Teatri e Lenz Rifrazioni, con il coinvolgimento diretto dei bambini e dei ragazzi.

Il progetto ha visto il contributo del Comune di Parma, assessorato alla scuola. 

Guarda tutte le foto.