Sei in Gallery

Sulle orme dei pellegrini: sentieri in Appennino seguendo San Francesco

05 giugno 2017, 18:57

Chiudi
PrevNext
1 di 18

I pellegrini di Fidenza stanno solcando i sentieri della Via di Francesco. Partiti il 31 maggio da Assisi, sono diretti a Roma. Arriveranno il 10 giugno. Il gruppo è costituito dai fratelli Luciana e Renato Bazzini, Gabriele Spaggiari, Franco Antonelli, Valentino Allegri e dai due "novizi" Roberto Pietrantonio e Paolo Michelizza. Ecco le foto e il diario delle prime tre tappe del gruppo di pellegrini parmensi, che gli anni scorsi hanno già raccontato i loro viaggi lungo la via Francigena e altri cammini religiosi


Partenza da Assisi 

Dopo due anni si riparte da Assisi per Roma sulla via di Francesco. Lasciando la basilica superiore il cammino attraversa Assisi. Si raggiunge la cattedrale per salire a porta San ,Giacomo antico luogo di partenza per i pellegrini diretti a Santiago. Abbandoniamo l'asfalto e cominciamo a salire un ripido sentiero impegnativo che attraversa bosco di lecci e querce per terminare all'eremo delle carceri. Si torna in asfalto per salire sotto le pendici del Subasio, dove un segnavia ambiguo ci induce a proseguire sulla strada per riprendere la via in sentiero e raggiungere picco rosso con bei panorami verso valle. Proseguiamo nel bosco in sentiero e carrarecce tra le ginestre in fiore per raggiungere finalmente Spello. Percorso impegnativo con dislivelli significativi. 

Trevi - Spoleto
Lasciamo prima dell'alba l'ospitalità di Santa Chiara e dopo breve tratto in asfalto iniziamo una bella salita tra gli ulivi. Tutta questa lunga tappa si snoda sotto monte, tra sentiero e carrareccia tra uliveti, boschi di leccio e quercette, fioriture di ginestre diverse fontane che assicurano adeguato rifornimenti di acqua, con diverse salite e discese che movimentato il percorso. Bellissimi panorami verso valle. La prima sosta all'eremo di Campello accolti dalle sorelle della comunità. L'eremo luogo pervaso di grande spiritualità custodisce una grotta abitata da eremiti e successivamente ha dato ospitalità a Francesco. Si riprende la via in direzione di Poreta passando per Campello Alto, fortificato e dominato dalla torre. Raggiungiamo in discesa Poreta dove in accogliente posto di ristoro ci fermiamo per un frugale ristoro.
Si riparte risalendo verso Bazzano superiore poi ancora in discesa per quello inferiore poi il cammino sale ripido tra gli ulivi in ambiente bello che aiuta a sostenere la fatica. Raggiungiamo costa Carvello e intravvediamo Spoleto, per scendere poi Eggi, sosta prima dell'ultimo impegno per raggiungere la cittadina. Deludente e trascurato l'ingresso in città, lungo la via Flaminia dopo quanto abbiamo potuto apprezzare. Raggiungiamo il B&B che ci ospita: domani si va a Ceselli. 

Spoleto - Ceselli
Lasciamo Spoleto e il cammino ci porta alle scale mobili che salgono al Duomo e alla Rocca Albornoziana. Visitiamo la chiesa per vedere gli affreschi del Pinturicchio e Filippo Lippi poi, aggirando la Rocca, arriviamo al ponte medievale che attraversa la valle ma è chiuso per ragioni di sicurezza collegati agli eventi sismici. Potevano installare sulla via tabelle con segnalazione di variante! Ma provvidenzialmente un signore ci accompagna lungo un tratto alternativo fino alla ripresa del segnavia: alla fine sono due chilometri in più. Si parte su ripida salita in bosco secolare di lecci in sentiero di sassi e possenti radici degli alberi. Si incontra qualche edicola e antichi piccoli fabbricati forse eremi. Raggiungiamo Monteluco, al termine della faticosa salita, a 800 metri con il convento fondato da Francesco e il sacro bosco. Dopo la visita riprendiamo la via che prosegue sempre in bosco carrareccia e poi sentiero di sassi in salita per raggiungere la forca delle Porelle a 910 metri. Da questo momento il cammino punta verso la val Nerina. Cambia il panorama, più duro e montuoso il sentiero nel bosco è stretto, sotto costa del monte sconnesso e sassoso. Si cammina con attenzione per tratti ripidi perché la via scende verso la valle. Il caldo si fa sentire ma le fontane per rifornirsi di acqua non mancano. Arriviamo in prossimità di Ceselli e facciamo sosta al nostro B&B. Domani Piediluco con il lago e le cascate delle Marmore, altra tappa lunga da fisico bestiale...