Sei in Gallery

Rigopiano, un anno dopo: l'Abruzzo ricorda le vittime

18 gennaio 2018, 10:22

Chiudi
PrevNext
1 di 72

Rigopiano, un anno dopo. Il 18 gennaio 2017 una valanga travolse e distrusse l'hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), provocando la morte di 29 persone. Oggi in Abruzzo è la giornata della commemorazione.
Le iniziative sono state promosse dal Comitato Vittime di Rigopiano, che riunisce superstiti e familiari degli scomparsi, in collaborazione con la Pro Loco di Penne (Pescara) e il patrocinio del Comune di Penne (Pescara).
Intanto il sindaco di Penne, Mario Semproni, alla vigilia del primo anniversario della tragedia, intervistato a "Fuori gioco" di Radio Uno, parla di disattenzione da parte dello Stato. «Mi aspettavo più attenzione e più rispetto dalle istituzioni sovracomunali. Lo stesso presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, aveva promesso maggiore attenzione per la comunità pennese. Nulla però è stato fatto, aspettiamo ancora una sua visita». E aggiunge: «Perfino le strutture occupate dal campo base allestito nel palazzetto dello sport per i soccorsi di Rigopiano sono rimasti così come un anno fa perchè lo Stato non ci ha aiutato e noi non abbiamo i soldi per ripristinare le infrastrutture».
E in una lettera al presidente del Comitato delle vittime dell’Hotel di Rigopiano, Gianluca Tanda, il sindaco di Penne ha incitato al coraggio.  
Il programma del 18 gennaio prevede, nella mattinata, un momento di raccoglimento e preghiera, in forma privata, davanti al punto in cui sorgeva l’Hotel Rigopiano. A seguire, alle 10,30, partendo dal bivio Mirri di Farindola, con una fiaccolata, il corteo giungerà fino alla chiesa parrocchiale per assistere alla Santa Messa tenuta dall’arcivescovo di Pescara, Tommaso Valentinetti, a Farindola, in ricordo delle 29 vittime.
Nel pomeriggio, alle 14.30, avrà inizio la commemorazione all’interno del Palazzetto dello Sport di Penne, diventato la base dei soccorritori durante i giorni della tragedia. In apertura i saluti di mons. Valentinetti, il quale benedirà le 29 piante di leccio - una per ogni vittima - che saranno messe a dimora nei pressi della Cittadella dello Sport.
A seguire saranno lette alcune poesie dedicate agli scomparsi, interverranno i rappresentanti dei Comitati Nazionali e si esibiranno diversi artisti, tra i quali il tenore abruzzese Piero Mazzocchetti, accompagnato dall’Orchestra giovanile di fiati "Claudio Monteverdi". La commemorazione proseguirà, con interventi di personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, fino alla chiusura, prevista intorno alle 18 e affidata ai canti della "Corale Monte Camicia" di Penne.
Parteciperanno alla cerimonia, su invito del comitato Vittime di Rigopiano, anche «Le stanze di Federico & Friends», con il brano "Dove la neve non cade", versione corale realizzata dalla band "Le stanze di Federico" insieme agli artisti emergenti più noti del panorama musicale abruzzese, proprio in occasione del primo anniversario della tragedia di Rigopiano.