Sei in Gallery

Allagamenti in Francia: circa 750 turisti evacuati dai campeggi

10 agosto 2018, 20:03

Chiudi
PrevNext
1 di 7

Sono «circa 750» i turisti evacuati dagli almeno tre campeggi colpiti dalle inondazioni nel dipartimento del Gard, nel sud della Francia: è quanto riferito dal capo di gabinetto della prefettura di zona, Thierry Dousset, intervistato da BFM-TV. Considerati anche i vicini dipartimenti Drome e Ardeche, il totale degli evacuati a causa del maltempo è di circa 1.600 persone. Secondo il ministero dell’Interno di Parigi, 400 i vigili del fuoco mobilitati oltre che quattro elicotteri della protezione civile e della gendarmeria.
Risulta ancora disperso, invece, il settantenne tedesco che accompagnava un gruppo di giovani connazionali in colonia di vacanze a Saint-Julien-de-Peyrolas. «Due elicotteri della sicurezza civile sono sulla zona e altri due elicotteri della gendarmeria sono stati mobilitati» per le ricerche, precisa Dousset. Quattro giovani che erano nella colonia vacanze ormai evacuata sono stati ricoverati per una lieve ipotermia. Secondo informazioni di stampa, ci sarebbe un disperso anche sul celebre sentiero GR20 della Corsica. 

FERMATI DUE RESPONSABILI DEI CAMPING. I due responsabili tedeschi dell’associazione Leverkusen, proprietaria del terreno nel quale sorgeva la colonia di vacanze inondata ieri dalle forti piogge a Saint-Julien-de-Peyrolas, nel dipartimento del Gard, nel sud della Francia, sono stati posti in stato di fermo: è quanto riferito dal procuratore di Nimes, Eric Maurel, che ha confermato l’apertura di un’inchiesta su quanto accaduto.
I nove bambini leggermente feriti, le cui tende, caravan e attrezzature da campeggio sono state travolte dall’inondazione, sono tutti di nazionalità tedesca. Ora sono «traumatizzati psicologicamente», ha precisato il procuratore. E' ancora disperso uno dei loro accompagnatori, un uomo di 75 anni.
Secondo i pompieri, che ieri sono intervenuti per salvare i bimbi, alcuni di loro erano «aggrappati agli alberi». Tutti sono stati ricoverati in ospedale per lievi ferite ed una leggera ipotermia dovuta al freddo dell’acqua. A quanto pare, il campeggio era in zona inondabile e non aveva ottenuto l'autorizzazione delle autorità locali.