Sei in Gallery

Il sindaco: "Le case sotto il ponte non si possono salvare". Sono 311 le famiglie sfollate Foto

15 agosto 2018, 20:24

Chiudi
PrevNext
1 di 13

«Sarà difficile, quelle case non si possono salvare perchè sono sotto un ponte che potrebbe essere abbattuto». Lo ha detto il sindaco di Genova, Marco Bucci, arrivando in prefettura. «Ho seri dubbi che le case sotto il ponte possano essere mantenute. Avremo cura degli sfollati, è la nostra priorità numero uno. Ai cittadini sarà data una casa nuova».

Sono 311 le famiglie che sono state sfollate perchè hanno le case minacciate dai monconi di ponte Morandi rimasti in piedi. Si apprende dall’amministrazione comunale.

- I tecnici di Autostrade stanno facendo verifiche sulla parte di ponte rimasta sospesa sulle abitazioni nella sponda ovest del Polcevera. «Le case sono state evacuate e al momento non ci sono indicazioni di rischi», spiega il comandante provinciale dei vigili del fuoco Fabrizio Piccinini. «La struttura è costantemente monitorata e non ci sono al momento variazioni rispetto a quelle che erano le indicazioni avute fin dal primo momento», precisa il portavoce dei vigili del fuoco Luca Cari. Le squadre dei vigili del fuoco stanno continuando ad operare come hanno fatto per tutta la notte nella ricerca dei dispersi.