Sei in Gallery

Vasto incendio nel Bellunese: salvati i ragazzi bloccati sul monte

La testimonianza: "Un rombo, poi le fiamme"

25 ottobre 2018, 12:00

Chiudi
PrevNext
1 di 5

Sono stati tratti in salvo da un elicottero del Soccorso alpino i due escursionisti bellunesi rimasti intrappolati nelle fiamme divampate nell’Agordino. Stanno bene anche se provati da una notte trascorsa in un canalone innevato. L’elicottero è riuscito a raggiungere il canalone e portare in salvo i due escursionisti di 29 e 34 anni. In un primo tempo obiettivo dei soccorritori era quello di raggiungere un punto a monte del canalone della Besausega, dove si trovavano i due, per poi calarsi con le funi per circa 500 metri.

"UN ROMBO, POI IL FUOCO". «Stavamo scendendo dal sentiero del Canale della Besausega quando abbiamo sentito un rombo e in un istante le fiamme erano a 50 metri di distanza": così Michel e Andrea, i due ragazzi agordini rimasti bloccati nel pomeriggio di ieri nell’incendio divampato sulle Pale di San Lucano, raccontano stamane la brutta esperienza vissuta nelle ultime ore. Per mettersi in salvo i due giovani di 29 e 34 anni si sono spostati al centro del canalone roccioso e hanno dato l'allarme.


La cronaca di ieri
Un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato nel pomeriggio nella zona della Valle di san Lucano, nel territorio comunale di Cencenighe Agordino (Belluno). Per cause da accertare si sarebbero sviluppati tre focolai, che alimentati dal forte vento stanno diffondendo fumo, visibile lungo tutta la Val Cordevole, fino ad Agordo. Sul posto diverse squadre dei vigili del fuoco. 
Il forte vento che spira nella zona non consente l’uso dell’elicottero per le operazioni di spegnimento: lo ha reso noto l’assessore alla protezione civile del veneto, Gianpaolo Bottacin.
«Sul posto - riferisce Bottacin - sono presenti e operativi a terra i nostri servizi forestali e la protezione civile. E' stata inoltre richiesta per domani l’attivazione di due aerei antincendio Canadair del Dipartimento nazionale della protezione civile. La situazione è costantemente monitorata». 

DUE RAGAZZI BLOCCATI IN QUOTA. Due ragazzi sono bloccati dalle fiamme dell’enorme incendio che divampa dal pomeriggio nella valle di San Lucano, nell’Agordino.
I due - informa il Soccorso Alpino - si trovano a circa 1.650 metri di quota nel Canale della Besausega. In contatto telefonico con i soccorritori, sono stati guidati in una zona rocciosa lontana dalle fiamme. Al momento il Soccorso alpino di Agordo e i Vigili del fuoco, data l’impossibilità per i mezzi aerei di intervenire, stanno valutando le possibilità di avvicinamento a piedi. 

IL SINDACO AGLI ABITANTI: "CHIUDETEVI IN CASA". Un appello agli abitanti di Taibon Agordino a restare chiusi in casa è stato lanciato dal sindaco a causa di vasto incendio che sta interessando dal pomeriggio una vasta porzione della Provincia di Belluno. A causare le fiamma, secondo le parole dell’assessore regionale alla protezione civile Gianpaolo Bottacin, potrebbe essere un albero caduto sui fili dell’alta tensione. In una riunione in Prefettura si sta valutando l’eventuale evacuazione di alcune case, tenendo conto che le fiamme solo alimentate dal forte vento.
Le fiamme hanno un fronte di quasi un chilometro. Secondo quanto verificato dai Vigili del fuoco, l'incendio sta 'salendò verso la vetta del monte, spinto dal forte vento, e potrebbe così risparmiare le case di Taibon. Il problema più grosso al momento è il fumo.
Sul posto operano 40 unità dei Vigili del fuoco, tra volontari e permanenti, eventualmente per far fronte a un’evacuazione dalle abitazioni.