Sei in Gallery

Dipendente fa strage in un'azienda dell'Illinois: 5 morti Foto

Colpisce i colleghi, feriti anche 5 agenti. Il killer è morto

16 febbraio 2019, 10:08

Chiudi
PrevNext
1 di 12

Entra nella fabbrica dove lavorava e fa una strage, uccidendo cinque dei suoi colleghi e ferendo cinque agenti della polizia. I motivi che hanno spinto Gary Martin, 45 anni, al gesto folle non sono noti: forse la frustrazione per il lavoro, forse stava per essere licenziato. Le indagini sono in corso e ci vorrà del tempo prima di capire il perchè il killer abbia agito.
Era il primo pomeriggio quando Martin è entrato in azienda, la Hernry Pratt Company, ad Aurora in Illinois. Ha estratto una pistola e aperto il fuoco. L’allarme è scattato subito e la polizia, nell’arco di pochi minuti è giunta sul posto: Martin ha sparato anche agli agenti, ferendone cinque. Poi è stato catturato. Ora è morto, complicando le indagini sui motivi del suo gesto folle. A riconoscerlo è stato John Probst, un altro dipendente di Herny Pratt, una delle maggiori aziende americane che producono valvole. «Sparava a tutti» dice Probst.
La sparatoria ha colto di sorpresa Aurora, conosciuta come la «città delle luci», per essere stata la prima negli Stati Uniti ad adottare un sistema elettrico di illuminazione delle strade. Aurora, con i suoi 200.000 abitanti, si trova a 70 chilometri da Chicago. La sparatoria cade all’indomani dell’anniversario della strage di Parkland, dove nel 2018 hanno perso la vita 17 persone, ed è destinata a riaprire il dibattito sulle armi.
«La vera emergenza sono le armi» e Donald Trump «rifiuta» di ammetterlo, afferma l’ex parlamentare Gabby Gifford, sopravvissuta a strage. Trump, che ha seguito gli sviluppi a bordo dell’Air Force One diretto a Mar-a-Lago, ha ringraziato le forze dell’ordine e presentato le condoglianze alle vittime e alle loro famiglie. Questo non basterà però a placare le polemiche di fronte a quella che è un’emergenza vera, sostengono i democratici criticando neanche troppo velatamente quella al dichiarata da Trump per il muro con il Messico.