Sei in 12 TV Parma

ripartenza

Bonaccini: "Investimenti robusti sulla sanità pubblica" - Videointervista

31 luglio 2020, 13:20

Un grande piano di investimenti per la sanità, le infrastrutture e la difesa del suolo, base per la ripartenza al centro dell’incontro fra il presidente Stefano Bonaccini, gli assessori regionali, sindaci, amministratori locali e parti sociali del parmense al Teatro Regio di Parma, nel corso del terzo appuntamento del viaggio nei territori della Giunta dell’Emilia-Romagna, impegnata tutta la giornata nella provincia ducale. 
Il presidente dell’Emilia-Romagna ha fatto visita ai tre ospedali parmensi di Parma, Vaio (Fidenza) e Borgo Val di Taro ma anche incontrato alcune delle realtà importanti del territorio come il comprensorio agroalimentare, la montagna e l'ambito cultura con Parma Città Italiana della Cultura anche per il 2021. 
«Dopo Rimini e Piacenza, il viaggio che come Giunta abbiamo iniziato per toccare ogni provincia della nostra regione arriva a Parma e nel parmense, uno dei territori più colpiti dal Coronavirus - ha spiegato Bonaccini - Senza abbassare la guardia rispetto al virus, abbiamo avviato la ripartenza, lavorando insieme, come abbiamo sempre fatto in Emilia-Romagna, partendo soprattutto dal confronto con gli amministratori e le comunità locali per rafforzare ulteriormente la rete dei servizi». 
«Il confronto che abbiamo aperto col Governo questa settimana per la programmazione e la gestione delle risorse europee, per noi vede al centro il territorio: per questo ci confrontiamo anche oggi coi sindaci della provincia di Parma, per concordare esigenze e priorità - ha aggiunto il presidente dell’Emilia-Romagna - Vi sono già interventi per centinaia di milioni di euro, e nuovi progetti del territorio che siamo venuti a raccogliere e toccare con mano per creare lavoro, per avere un territorio più sicuro, mobilità sostenibile, più servizi di qualità. Avevamo chiesto agli amministratori locali di definire proposte concrete e oggi ci hanno presentato un piano da quasi 300 milioni di euro per rafforzare la sanità provinciale, in parte finanziato. Siamo già al lavoro per garantire ciò che serve, e anche pensando alle risorse europee del Recovery fund, sulle quali come Regione siamo coinvolti nella programmazione, il nostro impegno è dare rapida attuazione alle priorità indicate». 
«Parma- conclude Bonaccini - è un motore essenziale della nostra regione e ha tutte le carte in regola per farcela: noi siamo qui per dare una mano e nel 2021, come Capitale italiana della cultura, Parma saprà ancor di più rappresentare un’opportunità per se stessa e l’intera Emilia-Romagna».