Sei in 12 TV Parma

12 TG PARMA

La protesta degli studenti delle superiori: "Inaccettabili i continui rinvii all'ultimo minuto" - Video

07 gennaio 2021, 14:06

La protesta degli studenti delle superiori: "Inaccettabili i continui rinvii e el comunicazioni all'ultimo minuto". Guarda il servizio di 12Tg Parma.

E nel frattempo è arrivata anche una nota delle Rete Studenti Parma.

"È inaccettabile che si continui a cambiare idea ogni settimana: sono mesi che studenti e studentesse vengono lasciati nella più totale incertezza. Gli studenti chiedono un rientro in presenza in condizioni di sicurezza e chiarezza sui tempi e sulle modalità.” afferma Veronica La Greca, Coordinatrice regionale della Rete degli Studenti Emilia-Romagna.

“Bisogna affrontare i problemi strutturali che affliggono la scuola da troppo tempo. Pensiamo agli edifici scolastici che non hanno spazi sufficienti e adeguati, alla carenza di organico rispetto al personale, al sistema di trasporto pubblico, ma non solo.

In questa fase di emergenza sanitaria, è fondamentale anche potenziare gli strumenti di prevenzione del contagio nelle scuole a partire dai dispositivi di protezione fino al tracciamento. A chi ci governa diciamo: serve un piano chiaro per la scuola per i prossimi mesi e investimenti strutturali. L'istruzione deve essere rimessa al centro, non solo a parole: non è più rimandabile.” conclude La Greca.

“Gli studenti hanno bisogno di certezze: questa situazione sta gravando sulle nostre spalle, le disuguaglianze aumentano sempre di più e l'abbandono scolastico è un problema sempre più rilevante, non possiamo lasciare nessuno indietro soprattutto in un momento di crisi come questo. L'obiettivo di tutte e tutti deve essere quello di riaprire la scuola in condizioni di totale sicurezza ed in modo che sia accessibile a tutti gli studenti e studentesse.” afferma Zoe Bergamini della Rete degli Studenti di Parma.

“Come Rete degli Studenti di Parma chiediamo alle istituzioni di essere coinvolti nelle decisioni. Noi studenti e studentesse siamo parte fondamentale non solo della scuola ma anche della nostra società. Chiediamo di essere ascoltati: il nostro punto di vista conta.” conclude Bergamini.