Sei in Motori

La nuova Polo. In 5 mosse

05 settembre 2017, 18:27

Chiudi
PrevNext
1 di 0

Ci siamo: arriva la sesta generazione della Polo, autentica icona di Volkswagen dalle nostre parti. Più grande (4 metri di lunghezza, 1 e 75 di larghezza) e più sportiva e solo cinque porte. Il listino va da 13.600 euro (1.0 benzina 65 Cv Trendline) a 21.250 euro (1.0 benzina 115 Cv Highline). Dopo la primissima presa di contatto alla presentazione internazionale ad Amburgo ecco in cinque mosse i punti di forza della nuova Polo  

Qualità D'accordo: che le Volkswagen siano ben fatto lo sanno anche i sassi. Ma una utilitaria con questi livelli di qualità e assemblaggi si fa notare

Metano La grande novità sotto il cofano è l'arrivo di un nuovissimo 1.0 benzina/metano da 90 Cv. Al lancio non è disponibile ma arriverà a breve, entro la fine dell'anno. Promette un'autonomia di 1320 km e costi di utilizzo irrisori. Per ora abbiamo provato il 1.0 75 Cv, un po' fiacco a dire la verità. Invece promosso a pieni voti il 1.0 115 Cv (sempre tre cilindri, ma turbo) per erogazione della potenza e assenza di vibrazioni. La gamma di potenze comunque offre un range decisamente ampio (anche quattro cilindri diesel a breve)

Tecnologia Quello che un tempo era riservato alle ammiraglie oggi è democraticamente spalmato anche su una Polo: app che vi fanno il conto di quanto consumate e come guidate, sistemi di sicurezza all'avanguardia con Acc, frenata d'emergenza con riconoscimento dei pedoni e via dicendo. Se siete disposti a scucire un po' di euro in più c'è veramente di tutto, incluso un meraviglioso cruscotto digitale, l'Active Info Display di seconda generazione

Spazio A bordo si siede comodi come su una Golf. Il bagagliaio per la categoria segna un notevole 351 litri (70 più di prima): merito della nuova piattaforma modulare che riduce gli sbalzi e aumenta i centimetri a bordo

Design Qualcuno pensa già di ribattezzarla "Polf". Scherzi a parte: la nuova Polo è più sportiva, importante, caratterizzata da forti segni laterali lungo le fiancate. Più maschile, ma piacerà un sacco anche al pubblico femminile