Sei in Motori

Merceds EQC, il Suv elettrico della Stella

Presentato a Oslo: 408 Cv e 445 km di autonomia. Da 76mila euro

di Nuviana Arrichiello -

20 maggio 2019, 18:22

Merceds EQC, il Suv elettrico della Stella

OSLO Dopo averla vista "vestire" i panni di una concept car ai saloni internazionali, aver avuto modo di apprezzarne le linee sinuose e gli interni hi-tech nel settembre scorso a Stoccolma, la EQC - prima elettrica 100% della Stella - arriva su strada, in attesa del debutto in Italia in giro per le località estive con un tour che ne anticiperà la vendita ad autunno. E - per il suo test su strada - non poteva che approdare a Oslo, la capitale green 2019 con oltre 11mila stazioni di ricarica e la volontà di imporre lo stop alle auto con motori a combustione interna già dal 2025. 

Carta d'identità Silenziosa come un’elettrica, elegante come una Mercedes, EQC incarna il nuovo concetto di mobilità della casa che con questa vettura, una sorta di Suv che strizza l’occhio alle linee di GLC (con la quale condivide lo stabilimento produttivo di Brema) inaugura la nuova era della Stella. E non è un caso se il 2019 sarà ricordato dall’azienda come un’altra data da segnare 'in rosso' in calendario, dopo il 1886, anno di nascita del primo veicolo ad opera di Karl Benz nonché nome di una Edition speciale con la quale debutterà la prima elettrica 100% della Stella. In vendita a un prezzo di partenza di 76.839 euro (leggermente sotto le rivali dei marchi Audi e Jaguar, 87.221 euro invece la versione Edition 1886), la gamma si articola sui due livelli Sport e Premium più una serie di pacchetti per chi è alla continua ricerca di personalizzazione. 

Il sistema I due motori asincroni erogano una potenza di 300 kW (408 cv) e una coppia massima di 760 Nm. Ogni motore elettrico forma con il cambio a rapporto fisso con differenziale, l’impianto di raffreddamento e l’elettronica di potenza, un’unità molto compatta e altamente integrata. Il cuore del sistema è la batteria agli ioni di litio da 80 kWh alloggiata nel pianale. Interessante l’autonomia dichiarata: 445-471 km (NEDC). EQC ricarica le batterie anche durante la marcia per sfruttare al massimo la propria autonomia teorica. In fase di rilascio o di frenata il movimento rotatorio meccanico viene trasformato in energia elettrica e utilizzato per caricare la batteria ad alto voltaggio (recupero di energia). Entrambi i motori elettrici assumono la funzione di generatori, assicurando il massimo recupero di energia in decelerazione.

Cinque modalità Il recupero di energia dipende molto dal conducente, che può influire sul rendimento agendo sui paddle, le levette di innesto delle marce sul volante. Il paddle sinistro aumenta l'intensità del recupero di energia, il paddle destro la diminuisce. Sono disponibili cinque livelli differenti: D Auto (recupero di energia ottimizzato in base alla situazione mediante sistema di assistenza ECO); D + (fase di rilascio); D (recupero di energia minimo); D - (recupero di energia medio) e D - - (recupero di energia massimo). In questo modo diventa possibile viaggiare utilizzando un solo pedale, in quanto basta la decelerazione del recupero di energia per non dover agire sul pedale del freno. Cinque anche le modalità di guida che aggiungono ora alle già note Comfort, Eco, Sport e Individual anche Max Range, programma di marcia intelligente con il quale si può raggiungere la massima autonomia possibile. Per riuscire a mettere da parte, finalmente, l’ansia da ricarica, una delle preoccupazioni più frequenti per i possessori di auto full electric.

 

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA