Sei in Motori

RESTYLING

Mini Clubman: più contenuti, stesso fascino

di Aldo Tagliaferro -

22 settembre 2019, 22:05

Mini Clubman: più contenuti, stesso fascino

In tempi resi incerti dalla Brexit, rischia perfino la Union Jack, la bandiera britannica minata dalle spinte secessioniste della Scozia. Ma per ora resiste orgogliosa sopra un'altra icona che più british non si può: la Mini. Per il restyling di Clubman la Union Jack sventola elegante sui nuovi fari posteriori a Led. 

Sono dettagli come questo che fanno di Mini uno splendido esercizio di stile nonché un fenomeno capace di catalizzare 65,3 milioni di followers su Instagram (e oltre 12 milioni su facebook). E su Clubman mettiamoci anche il nuovo frontale più sportivo e di impatto, caratterizzato dalla grande griglia cromata, ma anche  tanti contenuti a bordo, soprattutto nuovi servizi connessi: dalle informazioni sul traffico in tempo reale alla possibilità di inviare da remoto, tramite smartphone, la destinazione di navigazione e ricevere informazioni; senza dimenticare l'ampia scelta di  sistemi di assistenza alla guida e la possibilità delle sospensioni adattive che si abbassano di 10 mm.

Cambia anche la versione «cattiva», la John Cooper Works nella sua incarnazione più potente di sempre, 306 Cv. Quello che resta immutato è il go kart feeling tipico della Casa.

Abbiamo provato la Cooper D All4, con il diesel da 150 Cv (ma c'è anche quella più pepata con 190 Cv) abbinato al cambio automatico. Clubman conferma la sua grande guidabilità e stupisce per il lavoro di fino eseguito sui nuovi specchietti, che eliminano ogni fruscio anche ad alta velocità.
La gamma comprende tre motori benzina e tre gasolio (potenze tra 102 Cv e 192 Cv). Il listino parte dai 23.950 euro della One «base» ma ci si spinge ben oltre i 40.000.

SECONDO  NOI
CI PIACE
Dettagli curati in modo maniacale, grande qualità degli interni, go kart feeling alla guida, riduzione del fruscio, frenata potente e ben calibrata

NON CI PIACE
La visibilità posteriore resta davvero ridotta, il listino -  entry level a parte -  è abbastanza impegnativo