Sei in Motori

Jeep Compass dal 2020 anche plug-in: ecco come sarà

Sarà prodotto a Melfi, la versione PHEV ha 240 Cv di sistema. 

04 novembre 2019, 09:57

Jeep Compass dal 2020 anche plug-in: ecco come sarà

La nuova Jeep Compass PHEV, cioè ibrida plug-in, debutterà entro il primo semestre del 2020. Sarà prodotta a Melfì e disporrà di un sistema propulsivo che nasce dalla combinazione di un motore turbo 4 cilindri a benzina da 180 Cv e di una unità elettrica da 45 kW (60 Cv) che erogano una potenza complessiva di 240 Cv. Compass - lanciato nel 2017 e rinnovato di recente con i motori Euro 6d - si colloca nel segmento C-Suv che è quello di maggiori dimensioni nel mondo e in più rapida crescita, con la prospettiva di superare l’attuale valore di 2,5 milioni di unità vendute ogni anno.  Viene fabbricato anche in Messico, Brasile, Cina e India.

Esteticamente la Compass ibrida plug-in avrà dettagli differenzianti tipici di Jeep, il più evidente dei quali sarà lo sportellino sul lato sinistro (sotto al montante C) per il collegamento della presa standard del cavo di ricarica. I passaruota trapezoidali e la griglia a sette feritoie, incastonate in una cornice nero lucido, sono i segni distintivi. Le cornici nere dei fari, poi, aggiungono carattere al frontale. Altra caratteristica distintiva della parte posteriore di Compass è rappresentata dagli esclusivi fari con inserti a Led dalla forma rettangolare e allungata, che si inseriscono nella struttura del portellone.

Compass è un autentica Jeep grazie alle capacità off-road garantite da due sistemi 4x4: il Jeep Active Drive e il Jeep Active Drive Low. Ciascun sistema è in grado di inviare la coppia necessaria a qualsiasi ruota se necessario, ed entrambi sono dotati del dispositivo Jeep Selec-Terrain che offre diverse modalità di gestione (Auto, Snow, Sand e Mud, oltre all’esclusiva modalità Rock specifica della versione Trailhawk) per garantire le massime prestazioni 4x4 su qualunque superficie, in strada o in fuoristrada, e in qualsiasi condizione climatica.

Tra le novità della gamma spicca la nuova livrea Sting Grey. Tre gli allestimenti (Longitude, Limited e Trailhawk) e due le edizioni speciali: la sportiva e distintiva S e l’esclusiva Night Eagle. Su tutte le versioni sono di serie i più avanzati sistemi di infotainment, a partire dall’allestimento Longitude c'è la nuova Radio 7" con Apple Car Play/Android Auto (insieme al climatizzatore automatico bizona e ai cerchi in lega da 17"), mentre il sistema radio Uconnect 8,4" NAV con Apple CarPlay/Android Auto è optional su Longitude e di serie a partire dalla Limited.

 

 

Ibrido plug-in a parte, eccoci al capitolo motori tutti Eoruo 6d: due benzina e due diesel, con due trasmissioni - automatica a nove rapporti e manuale a sei marce. In dettaglio, il MultiAir2 Turbo 1.4 con Start&Stop da 140 Cv, in abbinamento al cambio manuale a sei marce e alla configurazione 4x2, e il MultiAir2 Turbo 1.4 da 170 Cv e trasmissione automatica a 9 rapporti e configurazione 4x4. Le unità a gasolio sono il MultiJet II 1.6 con Start&Stop da 120 Cv - in abbinamento al cambio manuale a sei rapporti e alla configurazione 4x2 - e il MultiJet II 2.0 con Start&Stop da 140 Cv. Questo motore è disponibile con due cambi (automatico e manuale) e solo in configurazione 4x4. Esiste anche una versione più potente del motore MultiJet II 2.0 con Start&Stop, da 170 Cv con cambio automatico a 9 marce e configurazione 4x4 (compresa la modalità a marce ridotte esclusiva dell’allestimento Trailhawk).

© RIPRODUZIONE RISERVATA