Sei in Motori

motori

Mitsubishi Space Star Via tutto il superfluo

02 gennaio 2020, 08:58

Mitsubishi Space Star Via  tutto il superfluo

Mitsubishi Space Star  giunge alla terza generazione: la hatchback 5 porte è il risultato della ricerca di una combinazione ottimale fra compattezza esterna, spaziosità interna, efficienza nei consumi, ridotte emissioni e naturalmente costi di gestione contenuti. Il tutto, però, senza penalizzare contenuti e comfort come spesso avviene nei cosiddetti prodotti «low-cost».
Space Star 2020 - svelata a fine novembre al Motor Expo di Bangkok e attesa al debutto in Europa al Salone di Bruxelles in gennaio - nasce dalla nuova architettura Global Small in cui si è fatto ampio ricorso all’acciaio ad alta resistenza. Il peso è stato contenuto in soli 870 kg (15 in più rispetto al modello precedente, pur con l’aggiunta di molti elementi per la sicurezza e il comfort) con un layout «ideale» che unisce una lunghezza di 3.845 mm con una abitabilità interna ottimale per 5. L’aver riprogettato la carrozzeria ha anche consentito di abbassare il coefficiente di resistenza aerodinamica (Cx 0,27) e di conseguenza migliorare i consumi dai nuovi motori a benzina 3 cilindri 1.0 71 Cv e 1.2 80 Cv, quest’ultimo una novità per la gamma (nel 2020 arriverà una variante Gpl) completati - a seconda del modello - con il sistema Auto Stop & Go.
I due motori di Space Star sono abbinati a cambio manuale a 5 rapporti di nuova generazione e, solo sulla 1.2, con la trasmissione Invecs-III CVT. I consumi omologati NEDC spaziano da 4,5 a 4,6 litri per 100 km, con emissioni di CO2 di 102-105 g/km a seconda del modello.
Al momento i prezzi non sono stati ancora comunicati - il lancio di Space Star sarà a marzo 2020 - ma non dovrebbero scostarsi da quelli della generazione precedente.