Sei in Motori

motori

Subaru XV e-boxer: molto più di un mild hybrid

di Lorenzo Centenari -

01 febbraio 2020, 08:44

Subaru XV e-boxer:  molto più di un mild hybrid

C'è ibrido e ibrido, e quello sviluppato da Subaru (manco a dirlo) è differente da ogni altro visto sino ad oggi. Dal 2020 il Suv compatto XV (autentico trascinatore delle vendite del marchio in tutta Europa) sposa l’elettrificazione e mutua la tecnologia da nuova Forester: XV e-Boxer il nome completo dello sport utility «soft» hybrid delle Pleiadi, performance quasi identiche al passato ma consumi assottigliati di una bella quota, facciamo il 30-40%. 

Chiave del sistema è il motorino elettrico da 16,2 Cv incastonato tra il benzina 4 cilindri contrapposti da 2 litri e 150 Cv (che nostalgia, i vecchi turbo di una volta...) e la trasmissione automatica a variazione continua Lineartronic. Non una full hybrid vera e propria, ma nemmeno una mild hybrid: qualche cavallo di potenza in accelerazione, soprattutto la facoltà di avanzare ad emissioni zero per qualche centinaio di metri (ufficialmente, per 1,6 km). L’importante è che la batteria agli ioni litio da 0,6 kWh sia completamente carica: succede spesso, dal momento che è piccina di capacità, e che una ripida discesa è sufficiente a fare nuovamente il pieno di energia (frenata rigenerativa).

Subaru XV e-Boxer un crossover efficiente e tecnologico (con l’Eyesight gli ostacoli imprevisti, la distanza dai veicoli e la deriva dalla corsia di marcia non sono più una minaccia), ma anche sempre buona soluzione per l’off-road leggero (il telaio dista 22 cm da terra, gi angoli caratteristici sono da fuoristrada puro): tasto X-Mode, e via, trazione integrale Symmetrical AWD a prova di Dakar.

Il surplus di coppia del motore elettrico è inoltre proprio ciò che serve per scalare una pietraia o attraversare un guado con maggior disinvoltura. Prezzi da 32.500 euro (allestimento Style), per risparmiare al momento dell’acquisto è ancora in gamma anche il motore 1.6 «no-hybrid», da 23.500 euro.