Sei in Motori

IL SALONE

Ginevra 2020: una pista di 450 metri per i veicoli elettrici

Il coronavirus non ferma la più importante kermesse europea. Apertura il 5 marzo. ma con parecchie defezioni

20 febbraio 2020, 17:17

Ginevra 2020: una pista di 450 metri per i veicoli elettrici

Il coronavirus non ferma il Salone di Ginevra che andrà in scena come previsto dal 5 al 15 marzo. "Come potete immaginare - ha commentato Maurice Turrettini, Presidente del Geneve International Motor Show presentando il Salone oggi a Milano alla stampa italiana - quest’anno l'organizzazione è stata particolarmente difficile a causa delle incertezze legate al coronavirus". Difficoltà che però non hanno di fatto intralciato i lavori per una corretta organizzazione che, assicurano, comprende anche tutte le precauzioni necessarie in tema sanitario. Confermati anche i quattro espositori in arrivo dalla Cina e i due da Hong Kong. Sarà quindi un GIMS che si svolgerà in maniera regolare, fra tradizione e innovazione che guarda al futuro, quello sul quale si aprirà il sipario tra due settimane.

Punto di riferimento per gran parte delle case automobilistiche, nonostante diverse defezioni (Citroen, Peugeot, Opel, General Motors, Nissan, Mini, Mitsubishi, Subaru, Volvo), quest’anno il Salone svizzero ha previsto anche alcune importanti innovazioni che guardano non solo alla mobilità di oggi ma anche a quella del futuro. "Allo scopo di favorire l'evoluzione del Salone e di consentire ai visitatori di vivere nuove esperienze - ha commentato sempre Turrettini - quest’anno abbiamo deciso di dedicare l’intero padiglione 7 alle prove di veicoli a propulsione alternativa, che percorreranno una pista della lunghezza di 450 metri. I costruttori compiono sforzi enormi per combattere la crisi climatica e hanno già speso centinaia di miliardi nel campo della ricerca. I giovani sembrano interessarsi in numero sempre maggiore alle auto elettriche. Il GIMS intende unirsi a questa lotta ed è proprio in questa ottica che sono stati predisposti i 7500 metri quadri del padiglione 7". Proprio sulla pista, che rappresenta la grande novità di Ginevra 2020, i visitatori potranno mettersi alla guida di uno dei 48 veicoli disponibili per i test, in compagnia di un esperto e sotto la supervisione del Touring Club Svizzero.

Sul versante delle novità automobilistiche, per l’edizione prossima all’apertura del Geneva International Motor Show, sono state annunciate oltre novanta anteprime mondiali ed europee, tra le quali, in esclusiva, anche Aston Martin Vantage Roadster, Bentley Mulsanne 6.75 Edition, McLaren Elva, Vega EXV e Hispano Suiza Carmen Boulogne. Restando invece alle novità più "umane" e che possono dire la loro sul mercato, le vetture più attese sono Audi A3, Hyundai i20, Kia Sorento, Mercedes Classe E, Skoda Octavia, Seat Leon, Volkswagen Golf GTI.

Il palco ginevrino sarà anche quello che vedrà l’assegnazione del premio 'Car of the year', assegnato all’automobile considerata come la più interessante degli ultimi dodici mesi da una giuria di settore, composta da sessanta giornalisti in arrivo da 23 paesi europei. I sette finalisti di quest’anno rispondono ai nomi di BMW Serie1, Ford Puma, Peugeot 208, Porsche Taycan, Renault Clio, Tesla Model 3, Toyota Corolla. La cerimonia di assegnazione del premio potrà essere vista anche in diretta streaming, lunedì 2 marzo alle 15, sulle pagine web www.gims.swiss e www.caroftheyear.org.

All’interno del Palexpo, l’area di circa 50mila metri quadri saranno divisi tra gli espositori dei diversi settori, tra autovetture e telai completi, autovetture elettriche e a propulsione alternativa, motocicli e ciclomotori, concept Cars, autovetture preparate e di tuning, oltre ad altro ancora. Un pezzo di storia dell’automobilismo a GIMS 2020, sarà anche quello rappresentato da Expo speciale 1000 Miglia 'Crossing the future', allestito al padiglione numero 6 del salone, dove andrà in scena un vero e proprio viaggio nella cultura delle corse automobilistiche e e nei cambiamenti che l’auto ha introdotto nel corso degli anni nella nostra società.

Spazio al futuro della mobilità in tutti i suoi aspetti, sarà anche quello dedicato all’esposizione speciale 'GIMS Tech’, sempre nel padiglione 6, dedicata alle start-ups e ai fornitori di servizi che parleranno del futuro che ci aspetta. "Con questi nuovi concetti - ha commentato a proposito Turrettini - la novantesima edizione del GIMS riunisce tradizione, passione e innovazione. Il visitatore potrà vivere giornate emozionanti e conoscere le soluzioni della mobilità di oggi sino alle idee di domani".