Sei in Motori

ASSOGOMMA

‌‌Pneumatici, il cambio degli invernali è necessario per chi usa l'auto

Non è facile il consueto cambio in tempi di lockdown. C'è tempo fino al 15 maggio. Si valutano eventuali proroghe speciali

18 aprile 2020, 20:03

‌‌Pneumatici, il cambio degli invernali è necessario per chi usa l'auto

Assogomma, Airp, Aniasa, Cna, Confartigianato e Federpneus hanno voluto fare chiarezza sulla questione del cambio gomme invernali ai tempi del Covid-19. Le normative vigenti e in particolare quelle che regolano la circolazione durante il periodo invernale prevedono che al termine del periodo di vigenza delle ordinanze invernali (15 aprile) sia necessario provvedere allo smontaggio dei pneumatici invernali ed al rimontaggio di pneumatici estivi, a partire dal 16 aprile ed entro il 15 maggio compreso

Una necessità che diventa un obbligo per quei veicoli che montano pneumatici invernali con codice di velocità inferiore a quello riportato in carta di circolazione, pena la non conformità alle specifiche di omologazione del veicolo indicate nella carta di circolazione che prevedono una serie di possibili sanzioni. Coloro i quali, invece, dispongono di pneumatici invernali con codice di velocità pieno possono effettuare la sostituzione dei loro pneumatici invernali anche in tempi successivi senza incorrere in sanzioni. 

In questo periodo 'particolare', invece, le associazioni tengono a precisare che innanzitutto vanno rispettate le prescrizioni governative che impongono ai cittadini di 'stare a casa', salvo eccezioni contemplate nel DPCM del 10 aprile 2020. Nel dettaglio, i gommisti possono svolgere la loro attività di manutenzione, riparazione e commercio al dettaglio, a condizione che rispettino le misure di contrasto alla diffusione del virus negli ambienti di lavoro. E’ altresì consigliabile che vengano assicurate le prescrizioni relative alle attività commerciali di dettaglio ed in particolare che siano effettuati ingressi in modo dilazionato evitando alle persone di sostare più del tempo necessario. Una buona pratica potrebbe essere quella di operare su appuntamento. Inoltre, gli utenti che sono in grado di giustificare lo spostamento dalla loro abitazione per le ragioni ammesse dal DPCM 10 aprile 2020 o da eventuali nuovi decreti 'di alleggerimentò, che potrebbero essere pubblicati nei prossimi giorni, sono tenuti al rispetto del Codice della Strada ivi compresa la circolare del Ministero dei Trasporti del 17 gennaio 2014 relativa alla sostituzione dei pneumatici. 

L’avvio del cambio stagionale avviene quest’anno in condizioni di lavoro e di sicurezza del tutto eccezionali che condizioneranno i tempi per il montaggio e lo smontaggio delle gomme. Non è escluso che, laddove non si riuscisse a perfezionare il cambio gomme a tempo debito, le Associazioni di categoria firmatarie della presente si faranno carico di richiedere eventuali eccezionali e limitate proroghe di tempo

«Le sei associazioni che rappresentano la filiera - ha precisato il direttore di Assogomma, Fabio Bertolotti - hanno condiviso considerazioni comuni per dare un messaggio chiaro a tutti colori i quali appartengono alla filiera dell’auto e agli automobilisti. Tutto è riassunto in tre punti fondamentali: innanzitutto occorre stare a casa, il concetto di base che regola la vita delle persone ai tempi del Coronavirus; il secondo assunto riguarda le persone che per motivi di lavoro, salute e somma urgenza possono uscire, in questo caso è necessario che gli spostamenti avvengano in auto conformi alle normative della circolazione stradale e quindi laddove necessario occorre intervenire per essere in regola con l'impiego dei pneumatici consoni alla stagione; infine per quanto concerne i gommisti, questi possono restare aperti rispettando le norme di salute dei dipendenti e della clientela, magari operando su appuntamento».