Sei in Motori

motori

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Quadrifoglio si concedono un lifting

di Lorenzo Centenari -

09 maggio 2020, 09:15

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Quadrifoglio si concedono un lifting

All’appello dell’aggiornamento 2020 mancavano soltanto loro, le più «scalmanate di famiglia». Con il restyling di Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio, il nucleo è di nuovo al completo. Rinnovamento nel segno della continuità, cioè lasciando inalterate immagine e caratteristiche tecniche di una berlina e un Suv che hanno fatto incetta di titoli, semplicemente aggiungendo qua e là un tocco di stile e un grado di tecnologia più moderni.

CARTA D'IDENTITA'
 Aspetto più sportivo, vita a bordo più piacevole: su Giulia e Stelvio Quadrifoglio (presto in vendita, prezzi in linea col passato, cioè rispettivamente 87.000 euro e 97.000 euro), gli opposti si attraggono.Anche sulla coppia d’assi del Biscione fanno dunque ora la loro comparsa nuovi gruppi ottici posteriori a LED con lente brunita e nuova finitura nero lucido per trilobo anteriore e badge posteriori. All’esordio anche la nuova tinta Verde Montreal.
In abitacolo, nuovi il volante, la leva del cambio rivestita in pelle e le cinture di sicurezza, ora disponibili in nero, in rosso o verde. Equipaggiamento di serie sempre corredato anche di sedili sportivi in pelle e Alcantara, mentre a richiesta sono i sedili Sparco con guscio in carbonio. La tecnologia di bordo prevede il nuovo infotainment con display touch da 8,8”: tra le novità esclusive delle Quadrifoglio, ecco le Performance Pages, schermate che consentono di visualizzare in tempo reale numerosi parametri come temperatura degli organi meccanici, distribuzione di coppia, pressione dei turbo e potenza istantanea.

LA CAVALLERIA
Sotto il cofano, sempre il poderoso 2.9 V6 biturbo in alluminio da 510 cv di potenza e 600 Nm di coppia a 2.500 giri/min, scaricati a terra sulle ruote posteriori (o su tutte e quattro le ruote, nel caso di Stelvio) dal sistema Alfa Active Torque Vectoring. Il cambio automatico a 8 rapporti è calibrato per ottimizzare fluidità, comfort e facilità di guida in tutti gli ambiti di utilizzo: ma in modalità «Race», le cambiate sono fucilate (150 millisecondi). Tra i sistemi espressamente rivolti al feeling di guida, le sospensioni attive, il selettore Alfa DNA Pro e l’Alfa Active Aero splitte, tutti quanti coordinati dall’unità di controllo Alfa Chassis Domain Control. La colonna sonora che accompagna l’esperienza di guida è infine garantita da un sistema di scarico Dual mode a quattro uscite, che in Race Mode diventa ancora più aggressivo.Con il MY2020, anche su  Giulia e Stelvio Quadrifoglio vengono introdotti i nuovi sistemi ADAS di sicurezza attiva: sviluppati in partnership con Bosch, raggiungono un grado di guida autonoma di livello 2.

 Ad Active Cruise Control, Lane Keeping Assist (mantenimento di corsia) e Active Blind Spot Assist (monitoraggio angoli ciechi posteriori), ecco allora aggiungersi anche Traffic Sign Recognition, Driver Attention Assist e soprattutto Traffic Jam Assist e Highway Assist, sistema che associato all’Active Cruise Control supervisiona anche la guida laterale, mantenendo la vettura a centro corsia in condizioni di traffico intenso o in autostrada. Perché mica si può sempre correre.