Sei in Motori

IL NOSTRO TEST

Renegade e Compass 4xe: cento per cento Jeep anche con l'ibrido plug-in

Dei due motori elettrici quello posteriore assicura la trazione integrale. Fino a 50km a zero emissioni 

di Aldo Tagliaferro -

01 agosto 2020, 10:35

Renegade e Compass 4xe:  cento per cento Jeep anche con  l'ibrido plug-in

Il mondo ha imboccato la strada dell'elettrificazione. Se sarà vera gloria lo dirà prima o poi il mercato, per il momento non resta che adeguarsi e il Gruppo FCA salta sul treno in corsa senza timori reverenziali. Ecco dunque Jeep, il brand più "cool" del Gruppo (con volumi cresciuti di dieci volte in dieci anni), attrezzarsi con la spina: Compass e Renegade in versione ibrido plug-in non perdono nulla in termini di stile e nemmeno di spazio (un'inezia, 20 litri di meno) e il pacchetto batterie limita l'aumento di peso a 200 kg portando in dotazione però una cinquantina di chilometri a zero emissioni (oltre a un listino più impegnativo).

E con l'altro marchio di fabbrica di Jeep come la mettiamo? Niente paura: le 4xe - sigla che accompagnerà tutte le plug-in che andranno a integrare la gamma Jeep - garantiscono di essere cento per cento hybrid e cento per cento Jeep perché la trazione integrale è assicurata dal motore elettrico posto sull'asse posteriore, permettendo qualsiasi tipo di off-road, tando da passare a pieni voti i severi circuiti in fuoristrada del proving ground di Balocco. 

Concentriamoci allora sulle novità tecniche delle Renegade (da 38.500 euro) e Compass (da 44.400 euro) 4xe che escono dal moderno stabilimento di Melfi: intanto sono due i motori elettrici (uno per asse) con funzione Powerloop che assicura sempre la massima trazione 4x4 anche nell’off-road prolungato:  la modalità Powerloop fa sì che il motore elettrico anteriore, collegato meccanicamente al generosissimo 1.3 turbo benzina, generi corrente ad alta tensione per alimentare il motore elettrico posteriore indipendentemente dalla carica della batteria. 

Tre le modalità di marcia che si selezionano dal ricco tunnel centrale (il quale, se proprio si vuole fare un appunto, ha fin troppe funzioni): 100% in elettrico, ideale in città; ibrido, oppure e-save, una modalità che risparmia (o incrementa) l'energia da utilizzare quando necessario, tipicamente nei centri urbani. Ovviamente in questa modalità salgono un po' i consumi, ma il 1.3 (130 o 180 Cv) è un bel compromesso fra prestazioni e consumi.  L’unità elettrica posteriore  eroga 60 Cv per una potenza di sistema che a seconda delle versioni tocca 190 o 240 Cv. 

Al volante i passaggi dal motore endotermico all'elettrico non si colgono, la guida in elettrico è brillante e fluida, la potenza quasi troppa per due modelli che non fanno certo della sportivitià la loro ragione principale. Abbiamo guidato Compass 4xe sia in autostrada che sui tornanti di montagna: promosso il nuovo cambio automatico a 6 marce e anche il Selec-Terrain, il "cervello" di Jeep con cui selezionare le modalità di guida del  4x4 elettrificato: Auto, Snow, Mud&Sand e (con l'allestimento Trailhawk), Rock. 
Tempi di ricarica? Meno di 2 ore per un pieno a 7,4 kWh, meno di 5 per la ricarica domestica. E poi con le app di UConnect c'è da sbizzarrirsi: non solo a individuare le colonnine ma a simulare rotte e controllare lo stile di guida o i km in elettrico e infine anche programmare: dal climatizzatore ai perimetri di percorrenza (i figli che prendono la macchina in prestito sono avvisati...).