Sei in Motori

LA SPORTIVA DA SOGNO

Ferrari, la lettera giusta: una M per la Portofino

M come Modificata: più potente, ora ha l'automatico a 8 rapporti e un manettino magico 

di Lorenzo Centenari -

19 settembre 2020, 10:14

Ferrari, la lettera giusta: una M per la Portofino

Come metter mano a un’auto che è già in sé la quintessenza dello stile, la tecnologia e l’ingegneria del marchio auto più famoso al mondo? Semplice, basta indovinare la lettera giusta. Ferrari sceglie di conserva e pesca la M, iniziale di Modificata. 

Nuova Portofino M evoluzione soft in superficie, ma assai più concreta sotto pelle. Il motore, il cambio, la dinamica di guida: modificata, la 2+2 spider GT del Cavallino la è per davvero. Nel gergo Ferrari, il suffisso M serve a individuare ogni progetto volto a spingere più in alto l’asta delle prestazioni, e in tutto e per tutto Portofino M tiene fede a questa tradizione. A cominciare dalle novità di motore, visto che il classico V8 biturbo da 3.855 cc riceve un aggiornamento tecnico che si traduce in un aumento di potenza di 20 cavalli. Da 600 Cv, il 3.9 V8 passa così a quota 620 cv.

Più scatto
L’otto cilindri, ma non solo: via la precedente trasmissione a 7 marce, dentro l’automatico a 8 rapporti, sempre un cambio a doppia frizione in bagno d’olio, ma dagli ingombri ridotti del 20% e la coppia trasmessa maggiore del 35%. 
La nuova combinazione cambio-propulsore reca un beneficio, in termini di scatto 0-100 km/h, di quasi un decimo (3"45). Accelerazione 0-200 km/h a sua volta sotto i 10 secondi (9"8), velocità massima di 320 km/h. 

Il manettino
Ma la lettera M cela in realtà l’introduzione di un dettaglio ancor più saporito, ovvero il Manettino a cinque posizioni, inclusa la funzione  «Race» per l’esperienza handling e trazione più esaltante - grazie al coinvolgimento del Ferrari Dynamic Enhancer (FDE), ovvero il controllo della dinamica laterale della vettura tramite una pressione idraulica puntuale su ciascuna delle quattro ruote - che la Portofino M possa trasferire. Manettino in Race (quarta posizione, dopo Wet, Comfort e Sport, e prima di ESC-Off), e la spider coupé «entry level» della Rossa si trasforma in un prototipo da corsa. 
Tecnica a parte, la M esprime su Ferrari Portofino anche modifiche al design dell’anteriore, vedi il paraurti, più sportivo ed aggressivo rispetto al modello standard. La calandra è a sua volta connotata da nuove stecche in alluminio. Sul posteriore, il nuovo scarico ha consentito di rimuovere la scatola dei silenziatori, con una conseguente riduzione degli ingombri e uno snellimento complessivo del volume del paraurti. Ridisegnato anche l’estrattore, nuovi infine i cerchi diamantati.  Tra gli optional interni fanno capolino nuovi sistemi di assistenza alla guida: come l’Adaptive Cruise Control con funzione Stop&Go per la marcia in colonna e il Rear Cross Traffic Alert, che avvisa il guidatore di ostacoli in movimento dietro la vettura in retromarcia. Consegne a partire dal secondo trimestre del 2021, prezzo di 206.000 euro. 

   L'IDENTIKIT   
   FERRARI PORTOFINO M   
Carrozzeria: spider-coupé 2+2, tetto rigido 
Motore: 3.855 cc V8 biturbo, 620 Cv, 760 Nm
Cambio: automatico doppia frizione 8 rapporti
Prestazioni:  0-100 km/h in 3"45, velocità massima: 320 km/hC   
Prezzo: 206.000 euro