Sei in Motori

restyling

Citroën C3 gioca coi colori e il design

Trionfo di personalizzazioni 

10 ottobre 2020, 19:04

Citroën C3 gioca coi colori e  il design

La C3 è il volto più noto di Citroën (850mila unità vendute, un'autentica best seller) e come tutte le prime donne si concede qualche  colpo di trucco per continuare a fare bella figura in società.  La "nuova" C3 continua a giocare con i colori e le combinazioni:  salgono addirittura a 97 fra tinte, tetti, gli inconfodibili airbumper, pack e personalizzazioni varie. A livello estetico proprio i bumper laterali assumono un carattere più deciso mentre al frontale spicca la nuova firma dei gruppi ottici a Led. Pensate che l'83% delle C3 sul mercato italiano monta gli airbumper e il 75% è bicolore.
Nell'abitacolo compaiono (in opzione) sedili da segmento superiore con 15 mm di spessore per l'imbottitura e schiume più dense: se piace la seduta  da salotto, sono l'ideale, mentre non si adatta a chi cerca contenimento laterale e sportività. E a livello di connettività segnaliamo il touchscreen con un nuovo "effetto lucido" e il mirror screen con connectedcam.
Un certo brio invece lo troviamo al volante dove a farla da padrone è il buon PureTech 1.2 S&S da 83 Cv (adatto anche ai neopatentati) o 110 Cv; per chi non scorda il diesel ecco il  collaudatissimo BlueHDi 100S&S. Non sono previste varianti elettrificate per un modello che non si limita a una missione urbana ma regge bene sia l'autostrada che le lunghe percorrenze.
Al di là del glamour aumentano anche le dotazioni di sicurezza: 5 dei 12 Adas sono di serie su tutta la gamma che parte da 14.100 euro per spingersi oltre quota 21.000 con due nuovi pack, Feel e Shine. La versione più cool? La nuova serie speciale C-Series. A.T.