Sei in Motori

OPEL: IL RESTYLING

Crossland perde la X ma guadagna punti

di Lorenzo Centenari -

17 ottobre 2020, 09:13

Crossland perde la X  ma guadagna punti

I  riflettori sono tutti per nuova Opel Mokka, la collega Crossland teme di sparire nell’anonimato e prova allora a rubare almeno una fetta di palcoscenico. Proprio come il nuovo Suv compatto, anche Crossland facelift (in concessionaria da gennaio 2021) perde la «X» finale ma guadagna punti sotto tutti gli altri aspetto. A cominciare dal look, ora più fresco grazie al caratteristico frontale «Opel Vizor» con calandra a tutta larghezza e fari a matrice di Led.

 

Il nuovo allestimento GS Line+ mette inoltre a disposizione cerchi neri da 17”, tetto a contrasto e divanetto posteriore scorrevole, per aumentare la capacità di carico da 410 a 520 litri. Funzione di scorrimento a parte, pressoché invariati gli interni, sistema multimediale con display da 8” e compatibilità Apple CarPlay e Android Auto inclusi. 

Modifiche interessano semmai la piattaforma stessa: nuove molle ed ammortizzatori al retrotreno, unitamente a un nuovo piantone dello sterzo, assicurano maggiore precisione in curva. Come prima, niente trazione integrale (vocazione da urban crossover) ma fa il suo debutto il programma IntelliGrip per modulare l’aderenza su fondi diversi (Normal, Neve, Fango, Sabbia, ESP Off). 

La gamma motori conserva sia il 3 cilindri 1.2 PureTech turbo benzina di origine PSA (Gruppo del quale Opel è parte integrante), sia il 4 cilindri 1.5 BlueHDi a gasolio, ambedue associati a piacere anche a trasmissione automatica AT6 a sei rapporti, ambedue ora omologati Euro 6d. Crossland hybrid? Non prevista. Non ancora…