Sei in Motori

PNEUMATICI

Gomme invernali o catene obbligatorie: avete dubbi? Ecco tutte le risposte

Con gli esperti di Assogomma le indicazioni per utenti e gommisti

10 novembre 2020, 15:21

Gomme invernali o catene obbligatorie: avete dubbi? Ecco tutte le risposte

 

La "finestra" per il cambio gomme da estive a invernali si era aperta il 15 ottobre. Domenica 15 novembre scadono i termini per mettersi in regola.  Da quella data infatti,   dove previsto dal gestore della strada, vigerà l’obbligo di circolare con pneumatici invernali fino al 15 aprile 2021. L'obbligo vale fuori dai centri abitati ma i comuni possono estenderlo anche all’interno dell’area urbana. Sul sito www.pneumaticisottocontrollo.it è scaricabile il depliant 'Inverno in Sicurezza' edizione 20-21 che  illustra la normativa vigente e fugare i dubbi dell’automobilista di fronte a una quantità di informazioni talvolta parziali e imprecise.

A complicare le cose è arrivata la pandemia e i successivi Dpcm (in particolare l'ultimo, datato 3 novembre) che possono ingenerare dubbi sul da farsi. Ecco - con l'aiuto di Assogomma - le domande chiave sul tema e le risposte per essere in regola e circolare sicuri.

 

1. Sono un automobilista,  posso recarmi dal gommista per effettuare il cambio sta-gionale?

Si, a condizione che siano rispettate le prescrizioni previste dal DPCM 3 novembre 2020.

• I soggetti ubicati nelle cosiddette zone "gialle" potranno recarsi dal gommista per usufruire di servizi non sospesi, nonché per comprovate esigenze di lavoro o situazioni di necessità o per motivi di salute o di studio.

• I soggetti ubicati nelle cosiddette zone "arancioni" potranno recarsi dal gommista per usufruire di servizi non sospesi e non disponibili nel comune, nonché per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute o di studio.

• I soggetti ubicati nelle cosiddette zone "rosse" potranno recarsi dal gommista se in grado di di-mostrare solo comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute (non si può invocare la necessità di usufruire di servizi non sospesi e non disponibili nel comune).

cambio gomme invernali

2. Sono un gommista, posso continuare a rimanere aperto? E a quali condizioni?

Si certo, l'attività di manutenzione, autoriparazione e vendita al dettaglio di parti ed accessori per autoveicoli rientra tra quelle consentite. Per poter svolgere tale attività è necessario rispettare le misure di contenimento alla diffusione del virus negli ambienti di lavoro contenute nel protocollo sottoscritto il 24 aprile 2020 tra Governo e sindacati.

 

3. Sono un gommista, devo adottare misure di sicurezza particolari nei confronti di miei clienti?

Si, è necessario rispettare alcune regole di carattere generale, come la distanza di almeno un me-tro, tenendo conto che gli ingressi nell'esercizio avvengano in modo dilazionato e che venga impe-dito alle persone di sostare più del tempo necessario. Si raccomanda l'applicazione delle misure di sicurezza di cui all'allegato 11 del DPCM 3 novembre 2020. È quindi fortemente consigliato operare per appuntamento, allingresso del locale deve essere applicato un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale.

 

4. Sono un gommista, posso chiamare i miei clienti che hanno montati pneumatici estivi e condivi-dere un appuntamento per il cambio gomme?

Certo, è la soluzione migliore, purché in conformità alla normativa sulla privacy. Quanto allo spo-stamento dei clienti si veda quanto indicato nella prima domanda.

 

5. Dispongo di un'officina mobile. Posso effettuare il montaggio e smontaggio delle gomme estive presso il domicilio del cliente?

Il DPCM 3 novembre 2020 riporta nell'allegato 23 le attività di commercio al dettaglio consentite. Tra queste sono previste anche le attività di commercio al dettaglio ambulante, ma non quelle di manutenzione e riparazione dei veicoli ambulante. Tutto ciò premesso, non si ritiene che le attività di commercio ambulante di autoriparazione siano conformi alla normativa di riferimento a meno che il soggetto cliente non rientri nella fattispecie per le quali sono ammesse deroghe (come ad es. la sostituzione di un pneumatico in avaria).