Sei in Motori

LE NOVITA' IN ARRIVO

Cosa guideremo nel 2021: ancora tanti Suv compatti e (forse) sarà dell'elettrico

I crossover compatti 2wd sono i più richiesti, ma potrebbe essere l'anno delle zero emissioni. Per tutti i portafogli: ecco Tesla Y e Dacia Spring, la prima low cost elettrica. E forse tocca al Suv dell'Alfa Romeo Tonale 

di Lorenzo Centenari -

04 gennaio 2021, 17:39

Cosa guideremo nel 2021: ancora tanti Suv compatti e (forse)  sarà  dell'elettrico

Anno nuovo, auto nuova. Gusti nuovi? Pare di no. Nel 2021 il genere che andrà per la maggiore sarà sempre il solito, ovvero quello - indovinate - dei crossover. Di quelli, in particolare, di piccole dimensioni e a due ruote motrici, Suv  o crossover compatti che dir si voglia. Nell’arco di dodici mesi, le proposte si susseguiranno senza sosta e tutto lascia immaginare che l’incrocio di domanda e offerta non farà che accrescere la quota di mercato di un segmento che già oggi vale un terzo delle vendite italiane. Mini Suv (elettrici, oppure ancora no), ma anche big Suv, berline e citycar: con l’«annus horribilis» 2020 finalmente alle spalle, è ora di allungare lo sguardo verso una nuova stagione da seguire con la solita passione e un’inguaribile speranza di rinascita.

 

DI TUTTE LE MISURE
Tra i Suv di taglia S, il ruolo di protagonista se lo giocheranno Dacia Spring, la prima elettrica del brand rumeno che promette prezzi super popolari (sotto i 20.000 euro: appuntamento in primavera), nuova Opel Mokka (più corta di 12 cm dell’antenata, e soprattutto interprete a sua volta della scuola di pensiero full electric, vedi Mokka-e), inoltre anche Toyota Yaris Cross, crossover che di Yaris mutua il nome e la piattaforma ibrida, ma che poi prosegue a modo suo (sarà anche a trazione integrale). Arriverà entro l’estate.


Salendo leggermente di misura, grande attesa per Nissan Qashqai terza generazione: meccanica completamente nuova, guida semi-autonoma evoluta (nuovo ProPilot), niente più diesel, solo full hybrid o mild hybrid. World premiere entro febbraio-marzo. L’Alleanza esprimerà anche l’avveniristica full electric Nissan Ariya e Renault Arkana, Suv coupé che dai mercati russo e asiatico conquista anche l’Europa: pianale Captur, ma dimensioni maggiori (4 metri e 56) e soprattutto un design che colpisce nel segno. Facelift in vista anche per Jeep Compass: linee più aggressive e la solita offerta diesel, benzina e ibrida plug-in. A proposito di FCA: che il 2021 non sia la volta buona anche per 500X mild hybrid...  Tra le compatte, fari puntati su nuova Citroen C4 (ed e-C4) e, più avanti, nuova Skoda Fabia.


Suv compatti premium? Attenti a quei due: Audi Q2 MY21 e BMW X2 restyling, l’uno già ordinabile, l’altro in arrivo in primavera. Entrambi cambiano poco, ma cambiano in meglio (tecnologia, ecologia, etc.). 


ZERO EMISSIONI
Ma il 2021 sarà anche quello dell’impulso decisivo all’auto elettrica, ecco che allora Mercedes scodella EQA, clone di GLA ad emissioni zero, mentre BMW raddoppia e ha pronte sia iX3 (gemella elettrica chissà di chi?), sia l’ammiraglia iX. Il Gruppo Volkswagen rilancia allora con ID.4, fratello maggiore della già nota ID.3: fari interattivi, interni hi-tech e autonomia modulabile (fino a oltre 500 km) i suoi punti di forza, un listino che attacca a oltre 40.000 euro invece il punto debole. Chi non bada a spese è anche e-tron GT, sorella in salsa Audi di Porsche Taycan che in termini di prestazioni promette sfracelli. 
Nel secondo trimestre sbarcheranno in Italia sia Tesla Model Y, sia Ford Mustang Mach-E, due elettro-Suv made in USA che più digitali non si può: sarà una bella lotta a rosicchiarsi gli ordini a vicenda. Concludiamo la nostra carrellata con un Suv 100% made in Italy: Alfa Romeo Tonale è uno dei modelli del Biscione più attesi e chiacchierati degli ultimi tempi. Dopo l’unveiling di Ginevra 2019, rivelazioni sempre più rade, Ma anche nessuna smentita. Confidiamo insomma che per il fratello minore di Stelvio, l’ora della verità sia sempre più vicina. Breve ripasso di tecnica: lunghezza di 4 metri e 40, pianale Jeep Compass, interni digitalizzati, motorizzazioni diesel, benzina e plug-in. Uscita attesa entro l’autunno 2021, prezzi che partiranno da 40.000 euro circa. Il popolo alfista non sta più nella pelle.