Sei in Motori

anteprima

Rivoluzione Dacia: ecco Spring, la prima elettrica sotto i 10mila euro

Con gli incentivi  la citycar  si porta  a casa con 9.460 Autonomia in città di 305 chilometri

di Lorenzo Centenari -

03 aprile 2021, 09:21

Rivoluzione Dacia: ecco Spring, la prima elettrica sotto i 10mila euro

L'auto elettrica? Roba da ricchi. Poi arriva Dacia e, come sempre, slogan che sembravano scolpiti nella roccia si dissolvono come una scritta sulla sabbia al primo soffio di maestrale. Logan democratizzò il concetto stesso di automobile, Duster scosse il segmento Suv, Sandero è l’auto più venduta in tutta Europa tra i privati. La quarta rivoluzione Dacia pesca il nome Spring, e di speciale ha che è la prima full electric - per davvero - a buon mercato. E per la gioia di giovani e adulti, donne e uomini, ha pure le sembianze del compact crossover: spalle larghe, cofano bombato, sottoscocca rafforzato, altezza libera dal suolo di 15,1 cm.

 Nonostante i tratti tipici del Suv, Spring è in realtà una citycar: misura solo 3 metri e 73, cioè è meno di 10 cm più lunga di una Panda, il mostro sacro al quale da settembre, quando le consegne avranno inizio (ma gli ordini sono già aperti e a fine aprile scatta la campagna di test drive nei dealer Dacia), punta come minimo a dare fastidio.

 Dimensioni ultracompatte (il raggio di sterzata di 4,8 metri è da carrello del supermercato), spazio interno niente affatto male: 4 posti veri, bagagliaio da 290 litri. A bordo, il «low-cost feeling» è un ricordo: Spring Comfort Plus, l’allestimento superiore, accoglie pure un display touch da 7” per la navigazione, la completa integrazione con il proprio smartphone Apple o Android, lo standard Bluetooth, la retrocamera, insomma l’essenzialità è altra cosa. 

E così arriviamo al nocciolo della questione: motore elettrico dalla potenza di 33 kW (44 Cv), batteria dalla capacità energetica di 27,4 kWh, autonomia di 230 km (305 km in città). Valori modesti, ma attenzione: la percorrenza giornaliera di un’utilitaria è in media di 31 km, significa che Spring necessita di una ricarica alla settimana, ricarica che da una colonnina a corrente continua da 30 kW (non più cosi rare) impiega meno di un’ora per passare da zero all’80%. Rullo di tamburi, ecco il listino: 19.900 euro la entry level (Comfort), 21.400 euro lo step successivo (Comfort Plus), cifre che grazie all’ecobonus calano - dietro rottamazione - rispettivamente a quota 9.460 euro e 10.960 euro. Ecco allora che anche la rivalità con primadonna Panda acquista senso. Una versione Business sarà dedicata al car sharing, dal 2022 Spring Cargo (niente sedili posteriori e omologazione N1) farà la felicità degli artigiani. 

Spring «base» priva di accessori? No: clima automatico, radio digitale, presa Usb, eleganti luci diurne a Led con firma luminosa a Y. Ok, non ha i sensori di parcheggio, il Media Nav, la vernice metallizzata: ma per la prima volta nella storia, porti a casa un’auto elettrica per 10.000 euro. «Renaulution» non è solo slogan, è sostanza. Viva Dacia. 

L’IDENTIKIT
DACIA SPRING

Dimensioni:  Lun. 3734 mm, Lar. 1579, Alt. 1516, passo 2423 
Bagagliaio:   290/620 litri 
Motore:  elettrico sincrono a magneti permanenti, 44 Cv, 125 Nm
Prestazioni:  0-100 km/h in 19,1 secondi, vel. max.125 km/h
Batterie agli ioni di litio, 27,4 kWh
Autonomia 305 km (Wltp City), 230 km (Wltp misto)
Prezzo:   da 19.900 euro (da 9.460 euro con ecobonusIn 
In vendita settembre 2021 (preordini aperti)