Sei in Motori

MOTORI

L'Octavia meraviglia

Al volante della Skoda 1.0 e-TEC mild hybrid: perfetta anche in autostrada. Da 27.600 euro. La wagon più amata in Europa stupisce con il tre cilindri

di Lorenzo Centenari -

20 luglio 2021, 09:10

L'Octavia meraviglia

Per non abbassare lo sguardo di fronte a nessuno, per alzare l’asticella delle proprie aspettative, senza necessariamente avventurarsi in soluzioni non alla portata delle proprie tasche. Le ottime proprietà di nuova Skoda Octavia Wagon (2020), una sorpresa vera e propria non la sono: se da anni è la station più venduta in Europa, un motivo c’è e risiede proprio nel suo super vantaggioso rapporto prezzo-qualità. 

Non è una sorpresa il design sobrio, ma non per questo poco moderno, sia nelle proporzioni da «familiare 4.0», sia nei dettagli come i fari (a Led), la calandra, il «lettering» Skoda posteriore. Non sono una sorpresa nemmeno l’abitabilità per persone e cose (il bagagliaio da 640 litri oltrepassa gli standard del segmento C) e il grado di comfort che si assapora prendendo posto al volante, con tutti gli strumenti a portata di dito, display centrale di navigazione (10”) incluso, con l’unica pecca di un assistente vocale (si chiama Laura) che talvolta stenta a tradurre i comandi dall’italiano alla sua lingua madre, il ceco.

La sorpresa è semmai la prestanza di un motorino, il 3 cilindri «mille» turbo benzina, che sulla carta battezzeresti adatto alla città, ma non a lunghe percorrenze. E invece Octavia 1.0 e-TEC dimostra di conoscere la formula per farsi amare anche come compagna di viaggi vacanze: il tricilindrico da 110 Cv di origine Volkswagen sale di giri rotondo e silenzioso e si accontenta di un’alimentazione povera di grassi anche a velocità autostradali, assestandosi sui 6 l/100 km. 

Sarà merito della tecnologia mild hybrid 48 Volt, un sistema che risulta impalpabile in termini di prestazioni pure, ma che alla lunga - grazie al supporto dell’alternatore/starter, destinatario dell’energia accumulata dalla batteria supplementare in frenata e decelerazione - contribuisce a calmierare l’indice consumi. Vantaggi dinamici a parte, l’omologazione ibrida restituisce benefici anche in chiave fiscale, vedi esenzione parziale del bollo: due piccioni con una fava. Il mild hybrid dunque come alternativa al diesel anche in ottica di uso intensivo, la missione per la quale è concepita Octavia Wagon, da tempo smarcatasi dall’etichetta di «Golf dei poveri» (dopotutto, la meccanica è la stessa): niente plastiche «cheap» né scricchiolii, si viaggia in business. 

Difetti? Esitazioni di Laura a parte, un piano di carico leggermente infossato rispetto alla soglia (non il massimo per sistemare bagagli pesanti), la filosofia 100% touch (o quasi) del sistema di infotainment, comunque intuitivo e soprattutto completo sin dall’allestimento di ingresso (Ambition: 27.600 euro) grazie all’integrazione coi protocolli Apple CarPlay ed Android Auto. A proposito di tecnologia: con 400 euro, l’optional del Travel Assist per la guida assistita (cruise control adattivo + mantenimento corsia) negli incolonnamenti. «Simply Clever» ma anche - sempre di più - «Almost Premium».

L'identikit
Skoda Octavia Wagon 1.0 e-TEC DSG
Dimensioni lungh. 4689 mm, largh. 1829, alt. 1468, passo 2680
Bagagliaio 640/1700 litri
Motore  3 cil., 999 cc, turbo benzina mild hybrid 48 Volt, 110 Cv, coppia 200 Nm.
Trasmissione Cambio automatico doppia frizione DSG a 7 rapporti, trazione anteriore
Prestazioni vel. max. 201 km/h, 0-100 km/h in 10”6 
Consumi 5,2-5,7 l/100 km (ciclo combinato WLTP)
Emissioni CO2 117-129 g/km
Prezzi da 27.600 euro (Ambition) a 30.350 euro (Style)


CI PIACE
Abitabilità e capacità di carico da segmento superiore, consumi bassi anche in autostrada

NON CI PIACE 
 Assistente vocale perfezionabile nella comprensione degli impulsi, pianale di carico con «scalino»