Sei in Motori

MOTORI

Torna il Suzuki Jimny. Ed è "Pro"

di Lorenzo Centenari -

26 luglio 2021, 09:07

Torna il Suzuki Jimny. Ed è "Pro"

Messo fuori squadra nel 2020 per questioni di emissioni, l’amatissimo Suzuki Jimny torna sul mercato nel 2021 in allestimento «Pro», cioè omologato come autocarro leggero di categoria N1. Posso guidarlo lo stesso? La risposta è sì.

Grazie a una legge europea del 2000, anche Jimny Pro si può utilizzare come una qualsiasi altra auto, a patto di registrarlo per uso proprio e di intestarlo a persona fisica. Rispetto al Jimny che conosciamo (la quarta generazione risale al 2018), cambiano semmai gli interni: su Jimny Pro, i posti sono solo due.

Dietro di essi, una robusta rete metallica separa un vano di carico ampliato fino a 863 litri, cioè 33 litri in più rispetto al volume della versione precedente con sedili posteriori abbattuti. Invariate le dimensioni e le caratteristiche tecniche: lungo 3,65 metri, Jimny Pro è il solito fuoristrada duro e puro in formato mignon. Ha telaio a longheroni con sospensioni ad assale rigido a 3 bracci e la proverbiale trazione integrale 4x4 AllGrip Pro a inserimento manuale, con tanto di marce ridotte.

In offroad, non si ferma di fronte a niente. Su asfalto, il noto 1,5 litri 4 cilindri benzina aspirato da 102 Cv non farà miracoli (velocità massima 145 km/h). Ma in fondo, Jimny non è mai stata un’auto per correre: meglio godersi la sua agilità negli spazi ristretti, grazie a ingombri ridotti all’osso (Jimny è largo appena 1,65 m) e facili da misurare dal posto di guida. Suzuki Jimny Pro in vendita a 18.700 euro Iva esclusa o 23.400 euro Iva inclusa.