Sei in Motori

IL TEST

La Mégane con la spina

L'offensiva Renault: ecco  la sesta «E-Tech» in gamma

di Ferdinando Sarno -

31 luglio 2021, 09:02

La Mégane con la spina

Dopo il lancio della versione Station Wagon e in attesa di quella 100% elettrica, Renault presenta la nuova Mégane berlina E-TECH plug-in hybrid, quella con la spina. In pratica, si tratta della sesta vettura Renault griffata E-Tech, la sigla con la quale la casa francese raggruppa tutte le sue vetture elettrificate (hybrid, plug-in e 100% elettriche). 
«Le vendite le facciamo più sul valore che sulla quantità». Ha dichiarato Francesco Fontana Giusti direttore comunicazione Gruppo Renault Italia, citando una frase di Luca De Meo, numero uno del Gruppo francese. 

E se per valore  intendiamo anche qualità beh, allora la nuova Mégane berlina E-TECH plug-in hybrid, arrivata alla quarta generazione, darà grandi soddisfazioni. Dopotutto, nasce non solo con l’arduo compito di confermare i successi commerciali (7 milioni di unità vendute dal lancio nel 1995) ma anche con l’obiettivo di consolidare il suo ruolo di protagonista nell’ambito del segmento C. E gli elementi ci sono tutti. Dal punto di vista estetico, per esempio, è cambiata parecchio (la parte più bella è, secondo noi, il posteriore dove spiccano i due terminali di scarico) mentre, nell’abitacolo, si fanno apprezzare lo spazio a disposizione di tutti i passeggeri, quindi l’accessibilità, l’abitabilità, il comfort di guida e, come nel caso della versione RS Line da noi provata, i sedili in alcantara, con tanto di cuciture rosse, avvolgenti e davvero comodi ed ergonomici. 

Chi ha un buon feeling con la tecnologia, la connettività e l’interfaccia con la vettura, sicuramente si troverà a proprio agio nell’utilizzare il nuovo driver display digitale 10’’ Full Color con navigatore 3D sul cruscotto e il Tablet Verticale 9,3’’ Touchscreen con Renault Easy Link grazie al quale c’è tutto un mondo da scoprire. 
Nel nostro test drive, quindi, abbiamo apprezzato il motore, la tenuta di strada, la posizione di guida, l’impianto frenante e, soprattutto, lo sterzo. A occhio e croce, poi, anche i consumi (meglio dire, in questo caso, i “non” consumi) risultano molto parsimoniosi (Renault dichiara 1,3 l/100 km con 29 grammi di CO2/km, valori WLTP). 

Il motore  è un 4 cilindri benzina da 1,6 litri da 160 CV abbinato a due motori elettrici e ad una trasmissione multi-mode con innesto a denti e priva di frizione che ottimizza il cambio marce. Trasmissione automatica che, onestamente, non ci ha entusiasmati perché, in certe situazioni, ti aspetti un cambio di marcia che poi arriva  in… ritardo. 

Anche dal punto di vista della sicurezza la nuova Mégane berlina E-TECH plug-in hybrid non si fa mancare proprio nulla: è dotata, infatti, di una lunga serie di dispositivi ADAS tra cui, ricordiamo, il sistema di rilevamento attivo dei veicoli in arrivo (Rear Cross Traffic Alert) che segnala al conducente i veicoli che passano nella sua traiettoria uscendo da un parcheggio; il sistema di rilevamento della stanchezza del conducente, il sensore angolo morto che si avvale di due radar situati alle estremità posteriori dell’auto, la frenata di emergenza attiva AEBS completata dalla funzione di riconoscimento dei pedoni e l’Easy Park Assist. 
L’offerta per il mercato italiano prevede due allestimenti: Business (da 36.400 euro) e RS Line (da 39.450 euro).