PacC

Arriva l'Ecostress: l'ecocardio sotto sforzo

Contenuto sponsorizzato da Publiedi

02 ottobre 2020, 16:57

Arriva l'Ecostress: l'ecocardio sotto sforzo

Un'indagine cardiaca effettuata prima e dopo l'attività fisica valuta la salute delle coronarie

 

Una delle più rilevanti novità introdotte quest'anno dalla Società Europea di Cardiologia (ESC) è rappresentata dalle nuove "linee guida per la cardiologia dello sport e per gli utili fisici sul paziente cardiopatico" . “La prima osservazione” commenta il Dottor Claudio Reverberi, cardiologo del Poliambulatorio Città di Collecchio “è relativa alla definizione che l'ESC dà dell'atleta”. L'ESC definisce l '“atleta” come “un individuo giovane od adulto, amatore o professionista che svolga con regolarità esercizio fisico e partecipi a competizioni sportive”. “Ma il principio generale più importante che emerge dal documento prodotto dall'ESC” prosegue il Dottor Reverberi “è che l'attività fisica , salvo rarissime eccezioni, è indicata econsigliato in tutte le situazioni che coinvolgano soggetti sani o cardiopatici ”.

Le linee guida indicano che in una persona sana sono raccomandati almeno 150 minuti alla settimana di attività fisica moderata o 75 minuti alla settimana di attività fisica ad alta intensità . Anche negli adulti di età superiore ai 65 anni è indicata una regolare attività fisica aerobica di moderata intensità per almeno 150 minuti alla settimana.

Soggetti OBE i, per ridurre il Rischio cardiovascolare, dovrebbero svolgere Esercizi di Resistenza al Almeno 30 minuti al giorno per 5/7 giorni a settimana .

Nei soggetti con molteplici fattori di rischio cardiovascolare è opportuna una corretta stratificazione del rischio associando al tradizionale test da sforzo una metodica di imaging quale l' ecocardiografia (meglio eseguita anch'essa sotto sforzo tramite l'esame dell'Ecostress), il soccer score e la TAC coronarica .

“In particolare, l' Ecostress , una delle metodiche di cui ci siamo recentemente dotati, è particolarmente importante in quanto, abbinando all’ECG da sforzo l’ecocardiogramma, consente di osservare le variazioni della contrattilità nei vari segmenti del ventricolo sinistro” spiega il cardiologo del Poliambulatorio.

Il Consiglio dello Specialista

 

PERCHE 'FARE L'ECOSTRESS?

È un esame in cui si abbina l'imaging leggero dell'ecocardiografia al test da sforzo. Il soggetto, monitorato con ECG, pedala sdraiato su un lettino basculante posto a fianco dell'ecocardiografo che consente al cardiologo di "vedere il cuore" durante l'esercizio. La comparsa di sintomi o variazioni del tracciato è dovuto a verificare il reale impatto sulla contrattilità del ventricolo sinistro evidenziando un'eventuale ischemia indotta dallo sforzo. Importante per gli sportivi, è utile nei soggetti con sospetta malattia coronaria .

 

Messa a fuoco

 

Attività sportiva in sicurezza

Sport anche per gli over 55, ma con i dovuti controlli

"Per affrontare con ragionevole tranquillità un'attività sportiva, indipendentemente dall’agonismo, dai 35 ai 55 anni il primo campanello d'allarme è la familiarità " spiega il Professor Alberto Anedda, Cardiologo e Medico dello Sport del Poliambulatorio Città di Collecchio. “In presenza di morti improvvise in famiglia, di cardiopatie congenite o di dubbi su altre patologie, sono necessari accertamenti accurati , fra i quali test da sforzo ed ecocardiografia. Richiedono approfondimenti anche i soggetti che soffrono di diabete di II tipo, obesità borderline, dislipidemia, donne oltre la menopausa, fumatori e tutti i soggetti sottoposti a stress o stati emotivi particolari. Per gli over 55 il controllo deve essere maggiore perché aumenta l'incidenza di cardiopatia ischemica. " Ogni 2 anni è opportuno eseguire anche un ECG da sforzo o un'Ecostress.

Domanda della Sig.ra Alessandra da Parma

Quando iniziare a fare sport?

Risponde il Dottor Alberto Anedda, Medico dello Sport del Poliambulatorio Città di Collecchio

Gli sport con una componente elastica, come pattinaggio, nuoto, ginnastica artistica possono, equitazione su pony, essere praticati sotto i 10 anni. Dopo i 10 anni, ok un pallavolo e basket. Dopo i 12 anni si possono praticare tutti gli altri sport, sci alpino e mountain bike incluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA