The Longevity Medical Suite Parma

Dallo stile di vita sbagliato all'inflammaging

Contenuto sponsorizzato da The Longevity Medical Suite Parma

25 gennaio 2021, 16:00

Dallo stile di vita sbagliato all'inflammaging

Le situazioni che la vita moderna ci propone quotidianamente sono in grado di innescare complessi processi biochimici che, in modo molto specifico, promuovono la malattia e l'invecchiamento.

Lo stress psicofisico , la cattiva alimentazione e la sedentarietà , attraverso l'ossidazione, la glicazione, la scarsa metilazione, generano processi che, se non opportunamente e precocemente contrastati, condizioneranno il nostro benessere e la nostra salute. Un elemento che nella cascata degenerativa accomuna tutte queste situazioni biochimiche è l' infiammazione cronica sistemica , nota come inflammaging.

L'infiammazione è un processo reattivo verso agenti patogeni di qualsiasi natura attraverso cui l'organismo si difende, innescando i processi del sistema immunitario. L'ultimo obiettivo del processo infiammatorio è liberare l'organismo da ogni entità che generi minaccia e danno cellulare (ad esempio i microorganismi, le tossine, ecc.) O dagli effetti del danno stesso (ad esempio le cellule morte ei tessuti necrotici). L'infiammazione distrugge, diluisce o contiene l'agente nocivo e allo stesso tempo innesca una serie di eventi che riparano e ricostituiscono il tessuto danneggiato.La relazione esistente tra immunità e invecchiamento è frutto dell'esposizione durante la vita ad agenti infettivi di varia natura che accelera l'immunosenescenza e induce una infiammazione cronica minata così la longevità.

Per quanto riguarda l'alterazione della regolazione dei processi infiammatori, con l'invecchiamento aumentano i livelli di citochine proinfiammatorie e, indipendentemente dalla presenza di patologie, molti studi hanno documentato un aumento delle concentrazioni di citochine nel siero di persone anziani rispetto agli individui giovani.

L'invecchiamento è caratterizzato da uno stato di infiammazione cronica lieve che è legato sia alla genetica che alla storia antigenica, ovvero lo sviluppo di reazioni immunitarie di ogni individuo. Questo tipo di processo infiammatorio può condurre, alla lunga, alla compromissione degli organi e apparati quindi alla riduzione della longevità, incrementando la sensibilità ad alcuni fattori di rischio. Le malattie correlate all'età, l'aterosclerosi, il diabete di tipo 2, l'osteoporosi, possono iniziare a manifestarsi o essere amplificate dall'infiammazione.

Per questo motivo lo studio dell'infiammazione, in particolare dell'alterazione nella produzione delle citochine che regolano questo processo, rappresenta una frontiera ancora poco esplorata ma molto promettente per favorire la comprensione e le terapie di questi squilibri. Si può ipotizzare una serie di interventi atti a ridurre l'incremento delle citochine . Quelli più interessanti sono proprio quelli che, modificando lo stile vita, possono andare ad antagonizzare direttamente le cause che hanno favorito l'infiammazione. Quindi limitando a tavola gli stimoli nocivi attraverso l'introduzione di alimenti antinfiammatori e di periodi di semi-digiuno, una corretta attività fisica che preveda sia la componente aerobica ma soprattutto quella di tonificazione muscolare e la riduzione dello stress psicofisico, attraverso la ricerca della consapevolezza, sono al centro degli interventi proposti da The Longevity Suite Parma per modificare e invertire la tendenza che ci porta a essere, progredendo con l'età, sempre più infiammati.

In questi ultimi anni si è fatto largo un nuovo strumento che, associato alle modifiche dello stile di vita sopracitate, può in modo eclatante al riequilibrio delle citochine infiammatorie, andando a ridurre l'infiammazione in modo peculiare e diffuso nel nostro organismo: la terapia del freddo . Ecco perché al centro del progetto di longevità inseriamo la crioterapia sistemica , in grado di scatenare reazioni utili al mantenimento di un equilibrio biochimico e all'autoguarigione, i meccanismi già noti da anni ma oggi come non mai al centro del percorso che porta alla longevità.

Dir. Sanitario: Dr. Massimo Gualerzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA