17°

28°

MOSTRE

Colori in omaggio a Vermeer

Bologna, opere a Palazzo Fava fino al 25 maggio

Piero Guccione

Opere ispirate a Vermeer: «Piccola veduta di Delft» di Piero Guccione

Ricevi gratis le news
0

L'ombra di Vermeer a Palazzo Fava s’allunga fino ai nostri giorni in un singolare gioco prismatico di sfaccettature sorprendenti per intuizione, fantasia, sensibilità. La «Veduta di Delft» del maestro olandese, definita da Marcel Proust nel 1921 «il più bel quadro del mondo», ha sollecitato l’attenzione di vari artisti tra cui Piero Guccione, siciliano, sensibilissimo nel trasporre in pura essenza luministica le poetiche connotazioni paesaggistiche. Nel 1986 Guccione ha riletto la «Veduta di Delft» in un piccolo pastello di straordinaria densità atmosferica: un’interpretazione personalissima ma rispettosa del silenzioso incanto del capolavoro. «Da quel pastello – ha scritto Marco Goldin organizzatore e curatore della mostra bolognese sulla «Ragazza con l’orecchino di perla» - dalla memoria di quella visione che ha fatto diventare Delft uno sguardo come di cenere dalle ali di farfalla, è nato in me il desiderio di chiamare alcuni altri pittori a lavorare intorno a Vermeer». Goldin ha rivolto l’invito a venticinque artisti italiani di consolidata esperienza, ognuno dei quali ha realizzato quattro opere che sono esposte – sempre a Palazzo Fava fino al 25 maggio – nella mostra intitolata «Attorno a Vermeer.
 I volti, la luce, le cose» (catalogo Linea d’ombra). Una rassegna inusuale, varia, che scandaglia il maestro olandese con occhi contemporanei di persone abituate a leggere e a tradurre ciò che vedono con linguaggio proprio, scoprendo angolazioni inedite, suggerimenti intriganti, relazioni carsiche. Ad interessare gli artisti è stata tutta l’opera di Johannes Vermeer, non solo la «Ragazza con l’orecchino di perla» sulla quale si sono soffermati in sette con diverse modalità: Giuseppe Colombo, noto per la sua raffinatezza grafica, ha posto il quadro con la giovane su una monocroma parete lambita da una luce che va ad accendere una sottostante natura morta di succosa frutta siciliana. Franco Dugo ne ha dato una testimonianza diretta e Giuseppe Puglisi l’ha fatta dialogare con alcune accentuazioni cromatiche di un albero fiorito. Andrea Gatti l’ha descritta in chiave espressionistica, Piero Vignozzi ambigua, mentre Franco Polizzi e Franco Sarnari hanno messo in risalto il mistero dell’identità mascherata. Altre figure femminili hanno attirato l’interesse degli artisti, soprattutto quella della «Signora in blu che legge una lettera» (probabilmente la moglie del maestro, Catharina), che aveva particolarmente colpito Van Gogh per il brillante scintillio della giacca che Sarnari e Cetty Previtera evidenziano felicemente; Vincenzo Nucci allarga l’effetto azzurro a tutto l’ambiente mentre Vignozzi preferisce concentrarsi sull’immagine della lettura. La sottolineatura dei particolari realistici il fiorentino la rende ancora più concreta nella «Merlettaia» e nella «Lattaia», che Dugo ripropone in un rinnovata oggettività quotidiana.
Colombo decontestualizza un particolare della lezione di musica mentre Sarnari, continuando le sue straordinarie «Cancellazioni», si concentra sull’atto dello scrivere nella «Lettera» dove il bianco s’accende e s’addensa modellato dalla luce. Mario Raciti sradica dalla stanza la signora che si guarda allo specchio e la fa stupire di presenze arcane, simboliche. Altri artisti non guardano ai personaggi, bensì al paesaggio, all’ambiente e soprattutto allo spirito di Vermeer. Corrado Bonicatti, ad esempio, fa emergere le strutture paesaggistiche da atmosfere rarefatte e silenziose; un silenzio che circonda anche le geometriche scansioni architettoniche di Enrico Lombardi, allusive a riflessioni sulla nostra interiorità. Dal paesaggio parte anche Silvio Lacasella ma poi subito si perde, va oltre, nell’infinità dello spazio, della luce dove si dileguano le tracce e restano l’incanto della solitudine, una striatura di luce, un segno vibrante fra trapassi sottili che ci emoziona. Paolo Jacchetti si muove in spazi indefiniti con sensazioni cromatiche sfuggenti, imprendibili; per contrasto Matteo Massagrande presenta squallidi interni di abitazioni vuote e fatiscenti. Vi sono altri pittori, sottolinea Goldin, che «scelgono di concentrarsi sull’assoluto soprattutto dei lumi, annullando quasi ogni possibile riferimento alla realtà della descrizione. Sono angoli che passano dalla natura all’anima dalle stanze deserte alle apparizioni». Attilio Forgioli intreccia segni che diventano forme; Graziella Da Gioz coglie negli interni e negli esterni la fluidità atmosferica unificante della luce; Laura Barbarini ricrea gli ambienti con la luce e le cromie vermeeriane; Roberto Casiraghi chiude la mostra con la magica suggestione di forme indefinite germinanti nello spazio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le serate al Chiosco di Collecchio

FESTE PGN

Le serate al Chiosco di Collecchio Foto

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..."

LE IENE

Nadia Toffa, post dopo la bufala sulla sua morte: "Mi hanno allungato la vita..." Foto

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati

CALCIO

La festa del Parma, cori al Tardini: tifosi scatenati Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Torna bambino e decidi qual è il miglior cartone animato degli anni '80!

Lealtrenotizie

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio"

CALCIO

La festa del Parma al Tardini: Lucarelli si ritira. Lizhang: "Abbiamo mostrato il nostro coraggio" Video Foto

Ritirata la maglia numero 6. D'Aversa: "A Spezia un'escalation di emozioni". Carra ringrazia i tifosi. Faggiano: "Ce l'abbiamo messa tutta"

PARMA CALCIO

Lucarelli parla alla curva con il megafono: "Siamo diventati una forza bellissima" Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Violenze in classe e conseguenze sui bambini: parlano la mamma di una piccola vittima e una psicologa

Le principali notizie della Gazzetta di Parma in edicola: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

PARMENSE

"Cantine aperte": le foto di una domenica... di gusto

cultura

La magica Notte del Terzo giorno: scatti tra le ali di folla (e di arte)

PARMENSE

Berceto, 46 cani stipati in una jeep: denunciata coppia della Lunigiana Video

SANT'ILARIO

Vuole impedire che la fidanzata si droghi e accoltella il pusher: denunciato 40enne 

I passanti hanno chiamato i carabinieri. Denunciato anche il pusher, un 25enne nigeriano

1commento

incidente

Cade in bici nei Boschi di Carrega: ferito 44enne

Curiosità

Il sindaco di Medesano si sposa con Elena Levati, assessore di Collecchio

berceto

Valbona, crolla una parte di "castello". Inagibile la casa di una pensionata

BASSA

Sicurezza, il Comune di Fontevivo ingaggia le guardie giurate

2commenti

Bellezza

Miss Mondo: le parmigiane Lorena e Fabiana in corsa per il titolo nazionale

Traversetolo

Raid alla Sandrini Legnami. «E' il dodicesimo, non ne possiamo più»

ramiola

Cade nella rotatoria: motociclista ferito

montecchio emilia

Vende gift card per Amazon ma è una truffa: denunciato 25enne

Un 20enne reggiano ha speso 300 euro per la gift card, che però era abilmente contraffatta

Sfida

Giochi delle 7 frazioni: si torna all'antico

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Per Salvini sarà comunque una vittoria

di Luca Tentoni

1commento

LA PEPPA

La ricetta - Cotolette vere e cotolette finte

ITALIA/MONDO

ROMA

Conte rimette il mandato al presidente Mattarella. Salvini: "Ora al voto"

2commenti

POLITICA

I vertici M5S: "Si ragiona sull'impeachment di Mattarella". No comment del Quirinale

1commento

SPORT

CALCIO

La festa al Tardini: "finalissimo" Video

FORMULA UNO

Ricciardo sa controllare la gara. Sul podio sono tutti contenti

SOCIETA'

IL DISCO

Jethro Tull, cinquant'anni fa “This was” Video

PARMA

Quattro cani cercano casa Foto

MOTORI

IL TEST

Nuova Mercedes Classe A. Come va

motori

Prova Yamaha Niken la “carver bike”